Archivi categoria: Indicizzati

Come funziona il nuovo editor di WP: Gutenberg

Nuovi effetti grafici

Acquista online la guida completa in formato digitale sul sito Kindle Direst publishing di Amazon

L’obiettivo di questo nuovo editor è di rendere l’aggiunta di contenuto con formattazione avanzata in WordPress semplice e piacevole. L’intero articolo è composto da pezzi di contenuto —un po’ simili ai mattoncini LEGO— che puoi muovere e con cui puoi interagire. Muovi il puntatore e noterai i vari blocchi evidenziarsi con bordi e frecce. Premi le frecce per riposizionare velocemente i blocchi, evitando la paura di perdere qualcosa durante il copia e incolla.

Continua la lettura di Come funziona il nuovo editor di WP: Gutenberg

Illustrated i ching-images for 64 tao hexagrams

Un nuovo progetto grafico.
Tutti e 64 gli esagrammi dell’ I ching, il  famoso libro Taoista di “divinazione del presente” illustrati prendendo spunto dal loro significato.
Vai alla pagina che contiene le gallere relative alle immagini pubblicate finora.
In alternativa segui l’account @laparoladigitale su Istagram.

L’architettura delle informazioni nella progettazione di interfacce

L’architettura delle informazioni (Information Architecture) si concentra sull’organizzazione, la strutturazione e l’etichettatura dei contenuti in modo efficace e sostenibile.

L’obiettivo è aiutare gli utenti a trovare informazioni e completare le attività. Per fare ciò, è necessario capire in che modo i pezzi si incastrano per creare un’immagine più grande, come gli elementi si relazionano tra loro all’interno del sistema.

Lo scopo della IA è quello di aiutare gli utenti a capire dove si trovano, cosa hanno scoperto, cosa c’è intorno e cosa aspettarsi. Di conseguenza, l’IA informa la strategia sui contenuti identificando la scelta delle parole e informa sulla progettazione dell’interfaccia utente e sulla progettazione dell’interazione, svolgendo un ruolo nei processi di wireframing e prototipazione.

Che cosa è necessario sapere

l’archiviazione, l’accesso e la presentazione delle informazioni.

I componenti principali della IA: Organizzazione Schemi e Strutture:

Come categorizzare e strutturare le informazioni Sistemi di etichettatura: Come rappresenti le informazioni

Sistemi di navigazione: come gli utenti navigano o passare attraverso le informazioni

Sistemi di ricerca: come gli utenti cercano informazioni

Per creare questi sistemi di informazioni, è necessario comprendere la natura interdipendente degli utenti, dei contenuti e del contesto. ogni cerchio fa riferimento a:

  • Contesto: obiettivi aziendali, finanziamenti, politica, cultura, tecnologia, risorse, vincoli
  • Contenuto: obiettivi di contenuto, tipi di documenti e dati, volume, struttura esistente, governance e proprietà
  • Utenti: pubblico, compiti, bisogni, ricerca di informazioni comportamento, esperienza

 

Componenti utilizzati nell’architettura dell’informazione

Ora che comprendi i concetti più astratti dietro l’architettura dell’informazione, esaminiamo i componenti e le tecniche IA che gli architetti utilizzano per acquisire tali concetti.

Esistono quattro componenti all’interno di un sistema di architettura dell’informazione:

  • I sistemi di organizzazione sono le categorie in cui vengono inserite informazioni, come nomi di autori e titoli o dimensioni della scarpa, tessuto e colore. I sistemi di etichettatura sono i modi in cui rappresentiamo le informazioni, ad esempio il livello di terminologia ritenuto appropriato per il pubblico di destinazione. Ad esempio, gli articoli dovrebbero usare i termini “optometrista” e “oftalmologo” o “oculista” più appropriato?
  • I sistemi di navigazione sono il modo in cui ci spostiamo da un’informazione all’altra quando ci vengono presentate tali informazioni. In questa pagina, ad esempio, è possibile utilizzare il pulsante Avanti per passare alla pagina successiva oppure iniziare a esplorare qualcosa di nuovo in qualsiasi momento utilizzando le schede come Avventura e Tecnologia nella parte superiore della pagina.
  • I sistemi di ricerca sono il modo in cui cerchiamo informazioni, come l’inserimento di parole in un motore di ricerca o la scansione di termini in un elenco numerato. Ad esempio, nella casella di ricerca in questa pagina, puoi digitare più parole per restringere i risultati e avvicinarti agli argomenti di cui vuoi leggere.
  • Altri componenti relativi all’architettura delle informazioni provengono dalla tecnologia utilizzata per trasformare il modello in un sistema di informazioni dal vivo. Ad esempio, se si memorizzano le informazioni in un database, l’architettura deve incorporare un componente di query per recuperare alcune informazioni specifiche. Se stai creando un sito Web, l’accesso alle informazioni utilizza componenti come la navigazione, lo scorrimento e il clic.

Come valutare l’usabilità delle interfacce uomo macchina

La valutazione dell’usabilità si concentra sul modo in cui gli utenti possono apprendere e utilizzare un prodotto per raggiungere i propri obiettivi. Si riferisce anche a quanto gli utenti sono soddisfatti di tale processo.

Per raccogliere queste informazioni, i professionisti utilizzano una varietà di metodi che raccolgono feedback dagli utenti su un sito esistente o piani relativi a un nuovo sito.

Cos’è l’usabilità?

L’usabilità si riferisce alla qualità dell’esperienza dell’utente quando interagisce con prodotti o sistemi, inclusi siti Web, software, dispositivi o applicazioni. L’usabilità riguarda l’efficacia, l’efficienza e la soddisfazione generale dell’utente. È importante rendersi conto che l’usabilità non è una proprietà unidimensionale di un prodotto, sistema o interfaccia utente. ‘Usabilità’ è una combinazione di fattori tra cui:

  • Design intuitivo: una comprensione quasi senza sforzo dell’architettura e della navigazione del sito
  • Facilità di apprendimento: la velocità con cui un utente che non ha mai visto l’interfaccia utente in precedenza può eseguire attività di base
  • Efficienza di utilizzo: come veloce un utente esperto può eseguire attività
  • Memorizzabilità: dopo aver visitato il sito, se un utente può ricordare abbastanza da utilizzarlo in modo efficace nelle visite future
  • Frequenza e gravità dell’errore: la frequenza con cui gli utenti commettono errori durante l’utilizzo del sistema, quanto sono gravi gli errori e come gli utenti recuperano dagli errori
  • Soddisfazione soggettiva: se l’utente ama utilizzare il sistema Quali sono i metodi di valutazione e quando dovrei implementarli?

La chiave per lo sviluppo di siti altamente utilizzabili è l’utilizzo del design centrato sull’utente. L’espressione “prova presto e spesso” è particolarmente appropriata quando si tratta di test di usabilità.

Le opportunità per i test includono:

  • Test di usabilità di base su un sito esistente
  • Focus group, sondaggi o interviste per stabilire gli obiettivi degli utenti
  • Buoni Acquisto test per monitorare lo sviluppo
  • IA Test wireframe per valutare la navigazione
  • Primi test per assicurarsi che gli utenti utilizzino il giusto percorso
  • Test di usabilità per valutare l’interazione dell’utente end-to-end e i sondaggi sulla soddisfazione per vedere come il sito si adatta al mondo reale.

Una combinazione di questi test migliorerà radicalmente l’usabilità del tuo sito, sistema o applicazione.

Lavorare con i dati del test

Le valutazioni di usabilità possono acquisire due tipi di dati: dati qualitativi e dati quantitativi. I dati quantitativi indicano ciò che è realmente accaduto. I dati qualitativi descrivono ciò che i partecipanti hanno pensato o detto.

Una volta raccolti i dati, utilizzarli per:

  • Valutare l’usabilità del sito Web
  • Raccomandare miglioramenti Implementare le raccomandazioni
  • Eseguire nuovamente il test del sito per misurare l’efficacia delle modifiche.

Come aumentare i visitatori del tuo sito con la SEO

Ringrazio davide Orlando per aver contribuito al blog LaParolaDigitale con un post di qualità

L’importanza della SEO nella tua strategia di marketing

Per ottenere successo nel grande mare del web è fondamentale avere visibilità: essere facilmente identificabili su Internet oggi è la chiave per avere successo ma la strada è davvero tortuosa. La SEO è il mezzo sul quale viaggiare per arrivare a destinazione. Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Orientarsi nel grande mare del web spesso è una cosa molto complicata se non si hanno gli strumenti adatti: la SEO rappresenta la chiave fondamentale per ottenere visibilità nell’immenso mondo del web. Essere facilmente individuabili e riconoscibili in rete è la soluzione adatta per sopravvivere in rete ma non solo… è la strada verso il successo.

SEO significa letteralmente Search Engine Optimization ed è una vera e propria tecnica (a dir la verità un insieme di tecniche) usata per scalare posizioni sui motori di ricerca. Un vero e proprio strumento usato per raggiungere le prime posizioni sui motori di ricerca. Un sito ben ottimizzato in chiave SEO è una vera e propria arma che è possibile sfruttare per trasformare il proprio sito web in una grande fonte di guadagno.

SEO: magia o questione di tecnica?

Ottimizzazione onsite e ottimizzazione offsite

Esistono due differenti modi di fare SEO: da una parte troviamo le tecniche onsite, dall’altra parte, invece, le tecniche SEO offsite. Il primo metodo comprende tutta quella serie di azioni che vanno a modificare parti interne al sito su cui si sta operando, si effettua una vera analisi della struttura del sito e si va a “ritoccare” in particolare dettagli specifici quali, ad esempio, porzioni di codice HTML, contenuti testuali propri del sito, indirizzi URL, cercando, sostanzialmente, di ottimizzare al massimo aspetti talvolta poco visibili o ritenuti poco importanti dagli utenti. Si punta a facilitare sia il lavoro dei motori di ricerca che, attraverso i cosiddetti spider, scansionano il sito e che devono indicizzare il sito web, sia la user-experience dell’utente stesso che, navigando su un sito semplice e veloce troverà più gradevole la sua esperienza multimediale.

L’ottimizzazione offsite invece avviene principalmente attraverso la link-building ovvero una costruzione di una rete di link esterna al sito che, attraverso parole chiavi ben definite, trasferirà (e farà acquisire) importanza al sito web. Questo avviene attraverso tutta una serie di pubblicazione di contenuti in giro per la rete che vengono sviluppati sui temi trattati dal sito in questione. Article marketing, comunicati stampa, pubblicazione di guest post sono gli elementi maggiormente presi in considerazione per questo tipo di attività, senza tralasciare directory come Pagine Gialle, Google My Business, Apple Maps, Bing Places (per citarne alcuni), spazi web in cui pubblicare il proprio sito per renderlo facilmente individuabile soprattutto dagli utenti. Tutto il contesto della link building si basa sulle anchor-text, parole chiave protagoniste fulcro in una strategia SEO: per esempio, se incentrassimo la nostra campagna di link building sulla keyword specchi bertocci, il nostro sito web acquisirà, agli occhi del motore di ricerca e degli stessi utenti sempre più rilevanza per quella stessa parola: più importanti saranno i link che parleranno del nostro spazio web, più facile sarà la scalata verso la prima posizione. Una vera e propria questione di relazioni, dunque, che attraverso piani e strategie ben definite permetterà di raggiungere risultati concreti in un tempo non troppo lungo. Il fattore tempo, appunto, è molto importante: quasi sempre i risultati non sono visibili da un giorno all’altro, la SEO d’altronde non è magia, gli algoritmi con i quali lavora Google sono segreti.

Tutto il mondo SEO si basa sull’esperienza dei professionisti: diventa quindi questione di pura tecnica (e qualche volta fortuna). Inoltre, affiancata a una buona dose di bravura ed esperienza è necessario avere una grande dose di pazienza, che se ben distribuita porterà presto a dei risultati eccellenti.

 

I Raffs denunciano Google all’antitrust – parte 3

Questa è la terza parte della storia di Foundem, dei suoi fondatori e della loro lotta contro Google

la seconda parte la trovi qui:

Ricordo per chi è interessato che ho tradotto e adattato il materiale da un lunghissimo articolo del NYT

 

Shivaun e Adam hanno inviato un’email dopo l’email ai dirigenti di Google, ma nessuno ha risposto con qualcosa di utile. Quindi i Raffs hanno iniziato a fare telefonate. Anche quelle non hanno aiutato molto. Adam e Shivaun avevano lavorato nella tecnologia per decenni. Erano ben noti e avevano collegamenti con persone importanti all’interno di Google e in altre grandi aziende. Ma niente di tutto ciò sembrava importare.

Con il passare dei mesi e la scomparsa dei conti bancari del Foundem, i Raffs, disperati, iniziarono ad avvicinarsi ad altri siti web, offrendo di adattare la loro tecnologia per alimentare i motori di ricerca interni di quei siti. Ben presto stavano fornendo tecnologia di back-end per un sito motociclistico popolare e un editore di grandi riviste. Alla fine, circa 2,5 milioni di persone vedevano i risultati di ricerca di Foundem ogni mese.

Foundem è stato nominato uno dei migliori siti di comparazione di viaggio della Gran Bretagna da The Times of London e celebrato in un popolare show di gadget britannico. Ma senza traffico da parte di Google, i Raffs erano a malapena in grado di tirare avanti.

Tre anni sono passati in questo modo. Alcune sere, Shivaun si sedeva al suo computer, esausto, googlando frase dopo frase: come si solleva una sanzione del sito Web di Google? Chi su Google esamina gli errori? Google e deindex e numero di telefono e aiuto – sperando che qualche combinazione magica di parole possa dare una nuova soluzione. “Mi sono sentito vittima di una ingiustizia”, mi ha detto Shivaun.

“Abbiamo realizzato una grande tecnologia. Stava vincendo premi. Ma non siamo riusciti a ottenere una spiegazione da Google sul perché non fossimo presenti sul suo motore di ricerca. “Alla fine, hanno cercato una società di pubbliche relazioni, nella speranza che un articolo di giornale potesse attirare l’attenzione di Google.

La ditta P.R. aveva un ulteriore suggerimento: perché non presentare un reclamo antitrust?

Ad Adam e Shivaun sembrava una perdita di tempo. Se Microsoft era stata in grado di scrollarsi di dosso gli attacchi antitrust del governo degli Stati Uniti, perché Google si sarebbe dovuta preoccupatre di una denuncia presentata da una piccola impresa? Ma avevano molte altre possibilità. Così Adam e Shivaun tirarono fuori i loro laptop e iniziarono ad assemblare un lungo documento che dettagliava tutto ciò che avevano vissuto.

Poi sono andati a Bruxelles, alla sede della Commissione europea, l’agenzia incaricata di regolamentare il comportamento competitivo, e hanno presentato una denuncia accusando Google di violare le leggi antimonopolistiche. Con il passare degli anni, Shivaun e Adam hanno preso l’abitudine di visitare bacheche dove le persone discutevano ossessivamente delle molte peculiarità di Google.

Cominciarono a notare uno schema interessante tra le aziende che si lamentavano del gigante della ricerca: spesso le parti danneggiate avevano, in qualche modo, posto una sorta di minaccia per gli affari di Google.

E sembra che abbiano sofferto terribili conseguenze. C’era, per esempio, Skyhook Wireless, che aveva inventato un nuovo sistema di navigazione in concorrenza con il software di localizzazione di Google e aveva firmato accordi importanti con i produttori di cellulari Samsung e Motorola.

L’accuratezza di Skyhook “è migliore della nostra”, un manager di Google ha ipotizzato in una e-mail interna rivelata in seguito in una causa intentata da Skyhook contro Google.

Non molto tempo dopo che quella nota era stata scritta, secondo la causa, un funzionario di alto livello di Google fece pressione su Samsung e Motorola per porre fine alle loro relazioni con Skyhook e sottintese che, se non lo facessero, Google avrebbe potuto rendere impossibile per loro spedire i loro telefoni puntualmente. (Google ha negato di fare qualcosa di inappropriato.)

Presto, Samsung e Motorola hanno annullato i loro contratti Skyhook.

Skyhook ha fatto causa a Google e, anche se una causa è stata respinta, Google ha finito col pagare 90 milioni di dollari per risolvere una richiesta di violazione di brevetto. Ma a quel punto era troppo tardi. I fondatori di Skyhook, privati ​​di altre opzioni di partnership, erano stati costretti a vendere la loro azienda con un grande sconto.

La stessa cosa è successa in altri siti di recensioni in rapida crescita come TripAdvisor e Citysearch, che si sono lamentati anche con la F.T.C.

“Più Adam e Shivaun guardavano, più esempi trovavano. Getty Images ha creato un popolare motore di ricerca per aiutare gli utenti a scoprire le 170 milioni di fotografie e altre arti visive dell’azienda. Poi, nel 2013, Google ha adattato il modo in cui visualizzava le immagini in modo tale che invece di indirizzare le persone al sito Web di Getty, gli utenti potevano facilmente vedere e scaricare le immagini ad alta definizione di Getty da Google stesso.

“Il nostro traffico è diminuito immediatamente dell’85 percento”, afferma Yoko Miyashita, consigliere generale di Getty.

“Abbiamo scritto a Google e abbiamo detto, Ehi, non è bello. E la loro risposta è stata: “Beh, se non sei d’accordo con questi termini, puoi esclderti” – lasciando che Getty si rimuovesse completamente dal motore di ricerca, ha detto Miyashita. “Non è davvero una scelta, perché se non sei su Google, in pratica non esisti.”

I mattoncini Lego per costruire le user interface

Ancora nozioni di base sulla progettazione dell’interfaccia utente

Ritorno sulle basi della progettazione di interfacce ma, specialmente nella gestione del rapporto uomo macchina, non ci si prepara mai abbastanza, specialmente, a mio avviso, sui fondamentali.

Interfaccia utente

La progettazione si concentra sull’anticipazione di ciò che gli utenti potrebbero aver bisogno di fare  assicurando elementi di facile accesso, comprensione e utilizzo per facilitare le interazioni.

L’interfaccia utente riunisce concetti di interaction design, visual design e architettura dell’informazione.

Scelta degli elementi dell’interfaccia

Gli utenti hanno acquisito familiarità con gli elementi dell’interfaccia che agiscono in un certo modo, quindi cerca di essere coerente e prevedibile nelle tue scelte e nel loro layout. Fare ciò aiuterà il completamento del compito, l’efficienza e la soddisfazione.

Gli elementi di interfaccia includono ma non sono limitati a:

  • Controlli di input: pulsanti, campi di testo, caselle di controllo, pulsanti di selezione, elenchi a discesa, caselle di controllo, campo data
  • Componenti di navigazione: breadcrumb, cursore, campo di ricerca, impaginazione, slider, tag, icone
  • Componenti: tooltip, icone, barra di avanzamento, notifiche, finestre di messaggio, finestre modali
  • Contenitori: accordion

Ci sono momenti in cui più elementi potrebbero essere appropriati per la visualizzazione del contenuto. Quando ciò accade, è importante considerare i trade-off.

Ad esempio, a volte gli elementi che possono aiutare a risparmiare spazio, affidano all’utente un compito gravoso costringendolo a indovinare cosa si trova all’interno del menu a discesa o quale potrebbe essere l’elemento.

Best practice per la progettazione di un’interfaccia

Tutto nasce dalla conoscenza dei tuoi utenti, compresa la comprensione dei loro obiettivi, abilità, preferenze e tendenze. Una volta che conosci il tuo utente, assicurati di considerare quanto segue durante la progettazione della tua interfaccia: mantieni l’interfaccia semplice.

Le migliori interfacce sono quasi invisibili all’utente. Evitano gli elementi non necessari e sono chiari nella lingua che usano sulle etichette e nei messaggi.

Crea coerenza e usa elementi di interfaccia utente comuni. Utilizzando elementi comuni nell’interfaccia utente, gli utenti si sentono più a loro agio e sono in grado di svolgere le attività più rapidamente. È inoltre importante creare schemi in lingua, layout e design in tutto il sito per facilitare l’efficienza.

Una volta che un utente impara a fare qualcosa, dovrebbe essere in grado di trasferire tale abilità ad altre parti del sito.

Sii propositivo nel layout di pagina.

Considera le relazioni spaziali tra gli elementi sulla pagina e struttura la pagina in base all’importanza. Il posizionamento accurato degli articoli può aiutare a richiamare l’attenzione sulle informazioni più importanti e può aiutare la scansione e la leggibilità.

Usa strategicamente il colore e la trama.

È possibile indirizzare l’attenzione o reindirizzare l’attenzione lontano da elementi che utilizzano il colore, la luce, il contrasto e la trama a proprio vantaggio.

Usa la tipografia per creare gerarchia e chiarezza.

Considerare attentamente come si usa il carattere tipografico. Diverse dimensioni, caratteri e disposizione del testo per aumentare la scansione, la leggibilità e la leggibilità.

Assicurati che il sistema comunichi cosa sta succedendo.

Informa sempre i tuoi utenti di posizione, azioni, cambiamenti di stato o errori. L’uso di vari elementi dell’interfaccia utente per comunicare lo stato e, se necessario, i passaggi successivi possono ridurre la frustrazione per l’utente. Pensa alle impostazioni predefinite.

Pensando attentamente e anticipando gli obiettivi che le persone portano nel tuo sito, puoi creare delle impostazioni predefinite che riducono l’onere per l’utente. Ciò diventa particolarmente importante quando si tratta di design della forma in cui si potrebbe avere l’opportunità di avere alcuni campi preselezionati o compilati.

La migliore interfaccia utente è quella invisibile

Non è un gran mistero che le interfacce utente veramente grandi siano quelle progettate per stare fuori dai piedi.

 ‘Stare fuori dai piedi’ significa non distrarre i tuoi utenti. Piuttosto, le buone interfacce utente consentono agli utenti di completare gli obiettivi.

Il risultato? Una riduzione dei costi di formazione e supporto e utenti più felici, soddisfatti e altamente coinvolti. Quando inizi a progettare una nuova interfaccia, assicurati di ricordare questi fondamentali:

  • 1. Conosci il tuo utente “Gli obiettivi degli utenti sono i tuoi obiettivi, quindi imparali. Ripetili. Quindi, scopri le competenze e l’esperienza del tuo utente e ciò di cui ha bisogno. Scopri quali interfacce preferisce e sedersi e guarda come le usa. Non farti trascinare cercando di tenere il passo con la concorrenza imitando stili di design alla moda o aggiungendo nuove funzionalità. Concentrandoti prima sul tuo utente, sarai in grado di creare un’interfaccia che gli permetta  di raggiungere i suoiobiettivi.
  • 2. Presta attenzione ai pattern Gli utenti trascorrono la maggior parte del proprio tempo su interfacce differenti (Facebook, MySpace, Whatsapp, Instagram, scuola / università, siti Web di notizie, ecc.). Non è necessario reinventare la ruota. Queste interfacce risolvono già alcuni degli stessi problemi che gli utenti percepiscono all’interno di quella che stai creando. Usando quei modelli familiari di’interfaccia utente, aiuterai i tuoi utenti a sentirsi a casa.
  • 3. Resta coerente “Più le aspettative degli utenti si dimostrano giuste, più si sentiranno in controllo del sistema e più gli piacerà”. – Jakob Nielson. I tuoi utenti hanno bisogno di coerenza. Devono sapere che una volta che imparano a fare qualcosa, saranno in grado di farlo di nuovo. Linguaggio, layout e design sono solo alcuni degli elementi dell’interfaccia che richiedono coerenza. Un’interfaccia coerente consente agli utenti di comprendere meglio come funzioneranno le cose, aumentandone l’efficienza.
  • 4. Usa la gerarchia visiva  Progetta la tua interfaccia in modo che permetta all’utente di concentrarsi su ciò che è più importante. La dimensione, il colore e la posizione di ogni elemento lavorano insieme, creando un percorso chiaro per comprendere la tua interfaccia. Una chiara gerarchia aiuta moltissimo nel ridurrela complessità (anche quando le azioni stesse devono essere complesse).
  • 5. Fornisci feedback La tua interfaccia dovrebbe sempre parlare con il tuo utente, quando le sue azioni sono sia giuste che sbagliate o fraintese. Informare sempre gli utenti delle azioni, dei cambiamenti di stato e degli errori o delle eccezioni che si verificano. I segnali visivi o la semplice messaggistica possono mostrare all’utente se le sue azioni hanno portato al risultato previsto.
  • 6. Sii indulgente Non importa quanto sia chiaro il tuo design, le persone commettono errori. L’interfaccia utente dovrebbe consentire e tollerare l’errore dell’utente. Disegnare modi per gli utenti di annullare azioni poter ricominciare automaticamente aiuta e rasserena lutente. Inoltre, se l’utente provoca un errore, usa la tua messaggistica come supporto mostrando quale azione è stata sbagliata e assicurati che sappia come impedire che l’errore si ripresenti.
  • 7. Potenzia il tuo utente Una volta che un utente ha acquisito esperienza con la tua interfaccia, premialo / a e concedi scorciatoie. La suddivisione di compiti complessi in semplici passaggi all’inizio aiuta ma poi diverrà macchinosa e distraente. Fornire modi più astratti, come le scorciatoie da tastiera, per eseguire attività consentirà al tuo progetto di essere più efficace.
  • 8. Parla la loro lingua “Se pensi che ogni pixel, ogni icona, ogni carattere contino, allora devi anche credere che ogni lettera sia importante. ” Tutte le interfacce richiedono un certo livello di copywriting. Mantieni i testi , chiari e diretti. Fornisci  etichette chiare e concise per le azioni e mantieni la messaggistica semplice. I tuoi utenti lo apprezzeranno, perché  ti sentiranno e sentiranno se stessi tra pari.
  • 9. Resta semplice “Un paradosso moderno è che è più semplice creare interfacce complesse perché è troppo difficile semplificarle.” – Pär Almqvist I migliori design dell’interfaccia sono invisibili. Non contengono elementi non necessari. Invece, gli elementi necessari sono concisi e hanno senso. Ogni volta che stai pensando di aggiungere una nuova funzione o elemento alla tua interfaccia, fai la domanda: “L’utente ha davvero bisogno di questo?” Stai aggiungendo le cose perché ti piaccioni o perché li vuoi? Non lasciare mai che il tuo ego dell’Ilo rubi lo spettacolo.
  • 10. Continua ad andare avanti Questo è un principio chiave nella progettazione dell’interfaccia utente. Si dice spesso quando si sviluppano interfacce che è necessario sbagliare velocemente e rifare spesso. Quando crei un’interfaccia utente, farai degli errori. Continua ad andare avanti e ricorda di tenere la tua interfaccia utente al sicuro dalla tua rabbia.