Google domina il mondo?

Google domina il mondo?

Questa è la seconda parte della storia di Foundem  e dei suoi fondatori,

la prima parte la trovi qui:

Ricordo per chi è interessato che ho tradotto e adattato il materiale da un lunghissimo articolo del NYT

 

Google è riuscita dove Gengis Khan, il comunismo e l’esperanto hanno fallito: domina il mondo.

Sebbene le stime varino in base alla regione, l’azienda rappresenta attualmente l’87 percento delle ricerche online in tutto il mondo. Elabora trilioni di query ogni anno, che funziona per almeno 5,5 miliardi al giorno, 63.000 al secondo.

Quindi le probabilità sono buone che qualche volta nell’ultima settimana, o nell’ultima ora o negli ultimi 10 minuti, hai usato Google per rispondere a una domanda fastidiosa o per cercare un fatto minore, e ho appena fatto una pausa per considerare quanto sia quasi magico quello quasi un po ‘di conoscenza ti può essere consegnata più velocemente di quanto tu possa scrivere la richiesta.

Se sei abbastanza vecchio da ricordare Internet prima del 1998, quando Google è stato fondato, ti ricorderai come è stato quando la ricerca online ha coinvolto AltaVista o Lycos e ha costantemente distribuito una buona dose di spam o porno. (Problemoni  per i primi appassionati del web che hanno chiedevano innocentemente a Jeeves “amatori” o “acciaio”.)

In altre parole, è molto probabile che tu ami Google, o che almeno  pensi a Google, allo stesso modo in cui a malapena pensi ai sistemi idrici o ai semafori o a qualsiasi altra cosa su cui fai affidamento ogni giorno. Quindi potresti essere stato sorpreso quando i titoli iniziarono a comparire l’anno scorso, suggerendo che Google e i suoi colleghi giganti tecnologici stavano minacciando tutto dalla nostra economia alla democrazia stessa.

I legislatori hanno accusato Google di creare un sistema di pubblicità automatica così vasto e sottile che quasi nessuno ha notato quando i sabotatori russi l’hanno cooptata nelle ultime elezioni.

I critici dicono che Facebook sfrutta i nostri impulsi di dipendenza e ci costringe in vetrine di conferma del nostro ego ivirtuali. La potenza raggiunta da di Amazon la porta ad essere accusata di stimolare un crollo del commercio al dettaglio. L’impatto economico di Apple è così profondo che può causare rotazioni a livello di mercato.

Queste polemiche sottolineano la crescente preoccupazione che un piccolo numero di aziende tecnologiche siano ora entità così potenti da poter distruggere intere industrie o norme sociali con solo poche righe di codice del computer.

Queste quattro società, oltre a Microsoft, costituiscono le maggiori fonti di notizie aggregate in America, pubblicità, shopping online, intrattenimento digitale e strumenti di business e comunicazione. Sono anche tra le aziende più preziose del mondo, con entrate annue combinate di oltre mezzo trilione di dollari.

In una rara dimostrazione di bipartitismo, i legislatori di entrambi i partiti politici hanno iniziato a mettere in discussione come questi giganti della tecnologia siano diventati così potenti così velocemente. I regolatori del Missouri, Utah, Washington, D.C. e altrove hanno chiesto un maggiore controllo di Google e di altri, citando le preoccupazioni antitrust; alcuni critici hanno suggerito che i nostri tribunali e le nostre assemblee legislative debbano occuparsi delle società di tecnologia nello stesso modo in cui i trustbuster hanno fatto a pezzi i monopoli del petrolio e della ferrovia un secolo fa.

Ma altri dicono che Google e la sua coorte sono colpevoli solo dei clienti entusiasti.

Se questi leviatani tecnologici non riescono mai a soddisfarci, sostengono i loro difensori, il capitalismo li punirà allo stesso modo in cui una volta ha abbattuto Yahoo, AOL e Myspace. Al centro di questo dibattito c’è una domanda che ha più di un secolo: quando il comportamento di una mega-azienda diventa così sfacciato da violare la legge?

Nel secolo scorso, quando le corti hanno censurato altri monopoli, accademici e giuristi hanno notato uno schema: i monopoli e la tecnologia sembrano spesso intrecciati.

Quando una società scopre un vantaggio tecnologico questo a volte rende quell’impresa così potente da diventare quasi monopolio senza richiedere molto impegno. Molte delle più importanti cause antitrust nella storia americana – contro IBM, Alcoa, Kodak e altri – erano basate suaffermazioni secondo cui una società aveva fatto scoperte tecnologiche che gli consentivano di superare i concorrenti.

Per decenni, sembrava esserci un consenso tra i politici e gli uomini d’affari su come dovrebbero essere applicate le leggi antitrust. Ma verso la fine di questo secolo, sono emerse diverse società tecnologiche che hanno indotto alcune persone a chiedersi se la formula antitrust avesse più senso.

Aziende come Google e Facebook sono diventate sempre più utili in quanto sono diventate sempre più grandi, una caratteristica nota come effetti di rete.

Inoltre, alcuni hanno sostenuto che il mondo online è così in rapido movimento che nessuna causa antitrust può tenere il passo.

Al giorno d’oggi anche il più grande titano può essere sconfitto da una piccola start-up, a patto che il nuovo arrivato abbia idee migliori o tecnologia più veloce. Le leggi antitrust, dicono i dirigenti digitali, non sono più necessarie.

Considera Microsoft. Il governo ha trascorso la maggior parte degli anni ’90 citando Microsoft per violazione delle leggi antitrust, un procedimento giudiziario che molti ora considerano uno spreco totale di tempo e denaro.

Quando l’amministratore delegato di Microsoft, Bill Gates, firmò un decreto sul consenso per risolvere una delle sue indagini monopolistiche nel 1994, disse a un giornalista che era essenzialmente inutile per le varie divisioni della compagnia: “Nessuno dei responsabili di queste divisioni cambierà quello che fanno o pensano “.

Anche dopo che un giudice federale ordinò a Microsoft di entrare in società separate nel 2000, la punizione non fu erogata. Microsoft ha combattuto la sentenza e ha vinto in appello. Il governo ha quindi offerto una soluzione così debole che nove stati hanno implorato la corte di respingere la proposta. È stato approvato.

Ciò che alla fine ha umiliato Bill Gates e ha posto fine al monopolio di Microsoft non erano i procedimenti antitrust, dicono gli osservatori, ma un start-up più agile di nome Google, un motore di ricerca progettato da due dottori di Stanford.

Prima i due hanno surclassato le incursioni di Microsoft nella ricerca (prima MSN Search e ora Bing). Poi i due ingegneri hanno introdotto una serie di applicazioni, come Google Docs e Fogli Google, che alla fine hanno iniziato a competere con quasi ogni aspetto delle attività di Microsoft.

E Google ha fatto tutto ciò non basandosi sui pubblici ministeri, ma con maggiore intelligenza. Non c’è bisogno di antitrust nel mercato digitale, sostengono i critici. “Quando i nostri prodotti non funzionano o commettiamo errori, è facile per gli utenti andare altrove perché la concorrenza è a portata di clic”, ha detto nel 2012 il co-fondatore di Google, Larry Page, traduzione: il governo dovrebbe smettere di preoccuparsi , perché nessun gigante online sopravviverà mai più a lungo di quanto meriti.

Una volta Foundem.com era a disposizione di tutti, la luna di miele della compagnia è durata esattamente due giorni. Durante le sue prime 48 ore, i Raffs videro un afflusso di traffico da parte degli utenti che digitavano le query sui prodotti su Google e altri motori di ricerca.

Ma poi, improvvisamente, il traffico si fermò. Allarmato, Adam e Shivaun hanno iniziato a eseguire la diagnostica. Hanno rapidamente scoperto che il loro sito, che fino a quel momento appariva vicino ai risultati di ricerca, ora languiva su Google, con 12 o 15 o 64 o 170 pagine. Su altri motori di ricerca, come MSN Search e Yahoo, Foundem si è ancora classificato in alto.

Ma su Google, Foundem era effettivamente scomparso. E Google, ovviamente, era il luogo in cui la stragrande maggioranza delle persone ha effettuato ricerche online. I Raffs si chiedevano se questo potesse essere una sorta di errore tecnico, quindi iniziarono a controllarne la codifica e ad inviare email ai dirigenti di Google, implorandoli di correggere qualsiasi cosa causasse la scomparsa del Foundem.

Capire chi scrivere e come contattarli era una sfida in sé. Sebbene la casa madre di Google si fatturi come una società diversificata con circa 80.000 dipendenti, quasi il 90 percento delle entrate della società deriva da pubblicità, come quelle che compaiono nella ricerca.

Di conseguenza, ci sono poche cose più importanti per i dirigenti di Google che proteggere il dominio della ricerca dell’azienda, in particolare tra i tipi di query più redditizi, come quelli degli utenti che cercano di comprare cose online. Infatti, all’incirca nello stesso periodo in cui i Raffs stavano fondando Foundem.com, i dirigenti di Google erano sempre più preoccupati per le minacce che i motori di ricerca verticali rappresentavano per le attività di Google.

Qual è la vera minaccia se non eseguiamo le verifiche verticali? “, Un dirigente di Google ha inviato via email ai suoi colleghi nel 2005, in base a documenti interni successivamente condivisi con la Federal Trade Commission. “Perdita di traffico da Google.com perché la gente cerca altrove alcune query”, ha scritto, rispondendo alla sua stessa domanda. “Se uno dei nostri grandi concorrenti costruisce una costellazione di verticali di alta qualità, siamo feriti gravemente”, hanno continuato i documenti interni.

Un altro dirigente ha detto più chiaramente: “Il core business di Google è monetizzare le query commerciali.

Se gli utenti si rivolgono a concorrenti come Amazon per fare domande sui prodotti, le entrate a lungo termine ne risentiranno “. I dirigenti di Google hanno iniziato a organizzare riunioni sul piano di battaglia per la guerra verticale.

Poco dopo che Foundem.com è andato online, un dirigente ha emesso un ordine: d’ora in poi, i risultati di confronto dei prezzi di Google dovrebbero apparire nella parte superiore di molte pagine di ricerca, il più rapidamente possibile, anche se ciò significava ignorare i risultati naturali dell’algoritmo di ricerca dell’azienda . “A lungo termine, penso che dobbiamo impegnarci in un percorso più aggressivo”, ha scritto un dipendente di alto livello di Google ai colleghi.

Alla fine, l’amministratore delegato ha ricevuto un mandato: “Larry pensava che il prodotto avrebbe dovuto ottenere maggiore visibilità”, ha scritto un alto funzionario. Un modo per ottenere quell’esposizione era influenzare le regole che regolano il modo in cui Google ha visualizzato i risultati di ricerca.

Nel 2006, Google ha introdotto un cambiamento nel suo algoritmo di ricerca, noto come l’aggiornamento Big Daddy, che ha penalizzato i siti Web con un gran numero di sottopagine ma pochi link in entrata.

Pochi anni dopo, un altro turno, noto come Panda, penalizzava i siti che copiavano il testo da altri siti web. Quando si sono verificati aggiustamenti come questi, Google ha spiegato agli utenti che miravano a combattere “individui o sistemi che cercano di” giocare “i nostri sistemi per apparire più alti nei risultati di ricerca – utilizzando” content farms “di bassa qualità, testo nascosto e altri ingannevoli pratiche “.

Non è stato detto che Google stessa genera milioni di nuove sottopagine senza link in entrata ogni giorno, una nuova pagina ogni volta che qualcuno esegue una ricerca. E ciascuna di queste sottopagine è piena di testo copiato da altri siti.

Programmando il suo motore di ricerca per ignorare altri siti che stavano facendo la stessa cosa che Google stava facendo, dicono i critici, la società aveva reso quasi impossibile per i motori di ricerca verticali concorrenti, come Foundem, mostrare i risultati di Google.

(Visited 76 times, 1 visits today)

Un commento su “Google domina il mondo?

  1. Commento Ciao, seguo le tue pubblicazioni con molto interesse ed ho imparato tantissime cose, in relazione all”acqua ho letto da poco il libro “Il tuo corpo implora l”acqua scritto da un medico iraniano che in carcere ha capito quanto l”acqua possa curare, l”ho trovato molto interessante e volevo consigliarlo! Pero” leggendo il tuo articolo adesso mi sento confusa! Forse ci vuole il giusto equilibrio? Nel libro si dice esattamente l”opposto, cioe” che bisogna bere prima di sentire sete perche” nel momento in cui si ha sete vuol dire che l”organismo e” gia andato a recuperare l”acqua da altri organi e quindi si e” in ritardo! Grazie per l”attenzione, un saluto Rosanna

Lascia un commento