I Raffs denunciano Google all’antitrust – parte 3

I Raffs denunciano Google all’antitrust – parte 3

Questa è la terza parte della storia di Foundem, dei suoi fondatori e della loro lotta contro Google

la seconda parte la trovi qui:

Ricordo per chi è interessato che ho tradotto e adattato il materiale da un lunghissimo articolo del NYT

 

Shivaun e Adam hanno inviato un’email dopo l’email ai dirigenti di Google, ma nessuno ha risposto con qualcosa di utile. Quindi i Raffs hanno iniziato a fare telefonate. Anche quelle non hanno aiutato molto. Adam e Shivaun avevano lavorato nella tecnologia per decenni. Erano ben noti e avevano collegamenti con persone importanti all’interno di Google e in altre grandi aziende. Ma niente di tutto ciò sembrava importare.

Con il passare dei mesi e la scomparsa dei conti bancari del Foundem, i Raffs, disperati, iniziarono ad avvicinarsi ad altri siti web, offrendo di adattare la loro tecnologia per alimentare i motori di ricerca interni di quei siti. Ben presto stavano fornendo tecnologia di back-end per un sito motociclistico popolare e un editore di grandi riviste. Alla fine, circa 2,5 milioni di persone vedevano i risultati di ricerca di Foundem ogni mese.

Foundem è stato nominato uno dei migliori siti di comparazione di viaggio della Gran Bretagna da The Times of London e celebrato in un popolare show di gadget britannico. Ma senza traffico da parte di Google, i Raffs erano a malapena in grado di tirare avanti.

Tre anni sono passati in questo modo. Alcune sere, Shivaun si sedeva al suo computer, esausto, googlando frase dopo frase: come si solleva una sanzione del sito Web di Google? Chi su Google esamina gli errori? Google e deindex e numero di telefono e aiuto – sperando che qualche combinazione magica di parole possa dare una nuova soluzione. “Mi sono sentito vittima di una ingiustizia”, mi ha detto Shivaun.

“Abbiamo realizzato una grande tecnologia. Stava vincendo premi. Ma non siamo riusciti a ottenere una spiegazione da Google sul perché non fossimo presenti sul suo motore di ricerca. “Alla fine, hanno cercato una società di pubbliche relazioni, nella speranza che un articolo di giornale potesse attirare l’attenzione di Google.

La ditta P.R. aveva un ulteriore suggerimento: perché non presentare un reclamo antitrust?

Ad Adam e Shivaun sembrava una perdita di tempo. Se Microsoft era stata in grado di scrollarsi di dosso gli attacchi antitrust del governo degli Stati Uniti, perché Google si sarebbe dovuta preoccupatre di una denuncia presentata da una piccola impresa? Ma avevano molte altre possibilità. Così Adam e Shivaun tirarono fuori i loro laptop e iniziarono ad assemblare un lungo documento che dettagliava tutto ciò che avevano vissuto.

Poi sono andati a Bruxelles, alla sede della Commissione europea, l’agenzia incaricata di regolamentare il comportamento competitivo, e hanno presentato una denuncia accusando Google di violare le leggi antimonopolistiche. Con il passare degli anni, Shivaun e Adam hanno preso l’abitudine di visitare bacheche dove le persone discutevano ossessivamente delle molte peculiarità di Google.

Cominciarono a notare uno schema interessante tra le aziende che si lamentavano del gigante della ricerca: spesso le parti danneggiate avevano, in qualche modo, posto una sorta di minaccia per gli affari di Google.

E sembra che abbiano sofferto terribili conseguenze. C’era, per esempio, Skyhook Wireless, che aveva inventato un nuovo sistema di navigazione in concorrenza con il software di localizzazione di Google e aveva firmato accordi importanti con i produttori di cellulari Samsung e Motorola.

L’accuratezza di Skyhook “è migliore della nostra”, un manager di Google ha ipotizzato in una e-mail interna rivelata in seguito in una causa intentata da Skyhook contro Google.

Non molto tempo dopo che quella nota era stata scritta, secondo la causa, un funzionario di alto livello di Google fece pressione su Samsung e Motorola per porre fine alle loro relazioni con Skyhook e sottintese che, se non lo facessero, Google avrebbe potuto rendere impossibile per loro spedire i loro telefoni puntualmente. (Google ha negato di fare qualcosa di inappropriato.)

Presto, Samsung e Motorola hanno annullato i loro contratti Skyhook.

Skyhook ha fatto causa a Google e, anche se una causa è stata respinta, Google ha finito col pagare 90 milioni di dollari per risolvere una richiesta di violazione di brevetto. Ma a quel punto era troppo tardi. I fondatori di Skyhook, privati ​​di altre opzioni di partnership, erano stati costretti a vendere la loro azienda con un grande sconto.

La stessa cosa è successa in altri siti di recensioni in rapida crescita come TripAdvisor e Citysearch, che si sono lamentati anche con la F.T.C.

“Più Adam e Shivaun guardavano, più esempi trovavano. Getty Images ha creato un popolare motore di ricerca per aiutare gli utenti a scoprire le 170 milioni di fotografie e altre arti visive dell’azienda. Poi, nel 2013, Google ha adattato il modo in cui visualizzava le immagini in modo tale che invece di indirizzare le persone al sito Web di Getty, gli utenti potevano facilmente vedere e scaricare le immagini ad alta definizione di Getty da Google stesso.

“Il nostro traffico è diminuito immediatamente dell’85 percento”, afferma Yoko Miyashita, consigliere generale di Getty.

“Abbiamo scritto a Google e abbiamo detto, Ehi, non è bello. E la loro risposta è stata: “Beh, se non sei d’accordo con questi termini, puoi esclderti” – lasciando che Getty si rimuovesse completamente dal motore di ricerca, ha detto Miyashita. “Non è davvero una scelta, perché se non sei su Google, in pratica non esisti.”

(Visited 31 times, 1 visits today)

Un commento su “I Raffs denunciano Google all’antitrust – parte 3

  1. Bravo KiKo parole sante tanto anche se ci fosse Conte in panchina i soliti si lamentano sempre devono dire sempre la sua in politica stanno bene nell”opposizione basta lamentarsi di tutto tutti in curva ed urlare forza Livorno da ritornare a casa senza voce come un vero tifoso qualunque sia il risultato almeno un ci si prova no? custom writing service

Lascia un commento