Mark Zuckerberg copre la webcam del suo pc, perchè tu no?

Mark Zuckerberg copre la webcam del suo pc, perchè tu no?

Mark Zuckerberg è uno degli uomini più potenti del mondo perché miliardi di persone danno a Facebook, da lui fondato, il libero accesso ai propri dati personali.

In cambio, gli utenti ricevono istantanee accurate della loro vita: foto per bambini, tour mondani dell’ufficio e occasionali panorami.

Martedì scorso, agli osservatori è stato ricordato che il signor Zuckerberg, 32 anni, non è solo un ragazzo normale a cui piace correre e cene tranquille con gli amici. In una foto pubblicata sul suo account Facebook, ha celebrato la crescente base di utenti di Instagram, che è di proprietà di Facebook.

Un utente di Twitter dagli occhi d’aquila di nome Chris Olson ha notato che sullo sfondo dell’immagine, la sua fotocamera per laptop e il suo microfono sembravano ricoperti di nastro adesivo. Altre pubblicazioni, tra cui Gizmodo, hanno usato il tweet per sollevare la domanda: era paranoia, o solo una buone pratica?

La telecamera chiusa come il jack del microfono sono di solito un segnale che qualcuno è preoccupato, forse solo vagamente, che gli hacker possano accedere ai vostri computer usando i trojan ad accesso remoto – un processo chiamato “ratting”.

L’eventualità di un accesso da remoto alla web cam del vostro laptop non è impossibile: secondo una memoria dell’Agenzia per la sicurezza nazionale rivelata da Edward J. Snowden, sono stati ideati almeno due programmi dal governo US per prendere il controllo di videocamere e microfoni.

Gli esperti di sicurezza hanno supportato la registrazione, per alcuni buoni motivi:

• Il primo è che il signor Zuckerberg è un obiettivo di alto valore. “Penso che Zuckerberg sia interessato a prendere queste precauzioni”, Graham Cluley, un esperto di sicurezza online e consulente, ha scritto in una e-mail Mercoledì. “Oltre alle agenzie di intelligence e ai criminali online convenzionali che potrebbero essere interessati a colpire i suoi miliardi, ci sono senza dubbio molti hacker dispettosi che troverebbero divertente spiare una figura di così alto profilo.”

• Il secondo è che la copertura di foto, video e portali audio è stata a lungo una pratica semplice ed economica non siamo ancora abituati ai nuovi pericoli. Oggi “Coprire la telecamera è una misura di sicurezza molto comune”, ha detto in una email Lysa Myers, ricercatrice della sicurezza presso la società di sicurezza dei dati ESET. “Se dovessi andare in giro per una conferenza sulla sicurezza, sarebbe più semplice un  conteggio dei dispositivi che non hanno qualcosa sulla fotocamera.”

• In terzo luogo, il signor Zuckerberg non è immune da violazioni della sicurezza. Un recente hacking dei suoi account Twitter e LinkedIn mostra che molto probabilmente ha commesso due errori fondamentali di privacy: A giudicare dalla sua foto, tuttavia, sembra che il signor Zuckerberg prendesse semplici precauzioni per proteggersi da chiunque possa tentare di ottenere l’accesso remoto. La pratica è abbastanza semplice dal punto di vista tecnologico: potrebbe aver usato la stessa password su diversi siti Web e non ha utilizzato l’autenticazione a due fattori:

gli hacker inducono le persone a fare clic su collegamenti o siti Web non familiari contenenti malware che consentono loro l’accesso ai dispositivi.

Il signor Zuckerberg non è l’unico caso di alto profilo: James Comey, il direttore dell’FBI, ha detto agli studenti del Kenyon College di aprile che ha anche registrato sulla webcam del suo computer, per ragioni sorprendentemente semplici, secondo NPR: “Ho visto quella cosa nelle notizie, quindi l’ho copiato “, ha detto Mr Comey.

” – ho ovviamente un laptop, un laptop personale – ho messo un pezzo di nastro sulla fotocamera. Perché ho visto qualcuno più intelligente di me che ha un pezzo di nastro sulla fotocamera”. Le persone che non sono miliardari o funzionari governativi di alto livello non sono comunque senza rischi, ha dichiarato Stephen Cobb, ricercatore senior di sicurezza presso ESET.

Per le persone che non sono C.E.O.s, la minaccia è data da malintenzionati che scansionano internet in cerca di webcam accessibili per una serie di motivi, dal voyeurismo all’estorsione”, ha scritto Mr. Cobb in una e-mail.

Gli esperti non hanno una buona stima della frequenza con cui si verificano tali attacchi, ma secondo un rapporto del 2015 pubblicato dalla Digital Citizens Alliance, senza scopo di lucro, la pratica è un problema crescente

(Visited 86 times, 1 visits today)

Lascia un commento