Chi è veramente Tim Cook il CEO Apple

Chi è veramente Tim Cook il CEO Apple

Tratto,tradotto ed adattato da The Guardian

Chi è veramente  e cosa pensa dei social, della programmazione e dell’etica il CEO Apple

Il capo della Apple, Tim Cook, ritiene che devono esserci limiti all’uso della tecnologia nelle scuole e dice che non vuole che suo nipote usi un social network. Cook stava parlando all’università di Harlow nell’Essex, una delle 70 istituzioni in tutta Europa che utilizzerà il curriculum di Apple, il codice di tutti i canali, è stato annunciato venerdì. “Non credo nell’uso eccessivo [della tecnologia]. Non sono una persona che dice che abbiamo raggiunto il successo se la stai usando tutto il tempo “, ha detto. “Non lo sottoscrivo affatto”.

Anche nei corsi assistiti dal computer, come la progettazione grafica, la tecnologia non dovrebbe dominare, ha detto. “Ci sono ancora concetti di cui vogliamo parlare e capire. Penso che dovresti usare molto la tecnologia in un corso di letteratura? Probabilmente no. “

L’amministratore delegato di 57 anni, che ha preso le redini di Apple dopo la morte di Steve Jobs nel 2011, ha detto che la società si preoccupava profondamente dei bambini e del loro rapporto con il web. “Non ho un bambino, ma ho un nipote su cui ho messo dei limiti. Ci sono alcune cose che non permetterò; Non lo voglio su un social network.”

Nonostante sia appena uscito da un aereo in un tour europeo, Cook mette a proprio agio gli insegnanti e gli studenti. Vestito con un maglione blu, jeans grigi e scarpe scamosciate blu, non sembra un miliardario della tecnologia (Apple è sulla buona strada per essere la prima azienda da $ 1 tn). “È la persona più famosa che abbiamo avuto qui come ospite”, ha detto un insegnante. “Il secondo? Oh, David Cameron. “

Nato a Mobile, in Alabama, nel 1960, da una portuale ed un commesso della farmacia, Cook è cresciuto nella città di Robertsdale. Ha trascorso 12 anni in IBM prima che Jobs gli chiedesse di unirsi a Apple nel 1998.

Era la passione e lo scopo di Jobs di “servire l’umanità” che, Cook ha detto, lo hanno portato in azienda. “Dopo 15 anni di ricerche,poi finalmente è scattato qualcosa. Alla fine mi sono sentito allineato.

“Come vicepresidente senior delle operazioni mondiali, ha chiuso fabbriche e magazzini, sostituendoli con i produttori a contratto in Asia. Ha inoltre mantenuto i costi sotto controllo e ha ottenuto accordi a lungo termine in parti cruciali per la società, tra cui la memoria flash per iPod Nano, iPhone e iPad, che ha bloccato i concorrenti.

È diventato direttore operativo nel 2007, ha ricoperto il ruolo di Jobs durante la sua malattia nel 2009 e ha assunto la carica due anni dopo.

In un profilo del 2014 che segna l’annuncio di Cook come persona dell’anno, il Financial Times ha notato la sua passione per i “risultati che vanno oltre oltre al motivo del profitto, facciamo le cose perché sono giuste”. In qualità di CEO, ha promosso iniziative per la salute, e-waste e energie rinnovabili (sostenendo di gestire le proprie strutture principalmente con fonti rinnovabili) oltre ai progetti di codifica educativa di Apple.

Il curriculum di programmazione di un anno adottato dal college Harlow, a mezz’ora a nord di Londra, ha lo scopo di insegnare agli studenti le competenze informatiche attraverso l’uso di una varietà di giochi, lezioni e materiali interattivi.

Ad ogni studente viene fornito un iPad con app e strumenti di codifica e gli insegnanti li guidano attraverso i concetti di codifica. Gli alunni sono in grado di vedere i loro progressi e ottenere feedback, finendo l’anno con due qualifiche.

Una studentessa, Athena, di 17 anni, ha dichiarato: “Nella scuola secondaria si trattava principalmente di progettare siti web con colori vivaci, ma questo si concentra sulla vera codifica e sui giochi”. Cook ha detto: “Penso che se dovessi fare una scelta, è più importante imparare il codice di una lingua straniera. Conosco persone che non sono d’accordo con me su questo. Ma la codifica è un linguaggio globale; è il modo in cui puoi conversare con 7 miliardi di persone. “

La Apple del 2018 rimane privata e strettamente sorvegliata, ma anche disposta ad ammettere  che non è perfetta, a questo si devono le scuse per la recente debacle della batteria di iPhone.

L’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha anche recentemente fornito commenti nuovi e dettagliati sull’immigrazione e il programma di rinvio dell’azione per l’infanzia (Deferred Action for Childhood Arrivals ).

L’immigrazione è “il più grande problema del nostro tempo”, ha detto Cook. “Questo fa prte dei valori dell’essere americano.” Ad agosto, l’amministrazione Trump annunciò che intendeva porre fine a un programma noto come DACA, o il programma Deferred Action for Childhood Arrivals, sebbene alla fine si cambio idea. In risposta, Cook ha dichiarato in un post Apple interno che 250 dipendenti Apple sono coperti da DACA e che ha supportato i cosiddetti “Dreamers” di Apple.

Poco si sa della vita personale di Cook, tranne che inizia a inviare e-mail verso le 4.30 del mattino e va in una palestra privata prima di andare in ufficio. A quanto pare ama il ciclismo. È stato anche il primo amministratore delegato di una società Fortune 500 a fare outing, nel 2014 in una settimana di business.

Da allora è stato un potente sostenitore dei diritti LGBT e diventare un sostenitore della privacy contro la sorveglianza globale. e istruzione per combattere le questioni relative alla diversità di genere. “Ci ho creduto a lungo, ed è un’intersezione con Apple che ha una profonda convinzione anche in questo, che l’educazione è un grande equalizzatore di persone”, ha detto Cook. “L’introduzione della codifica in età sempre più precoce aiuterà anche la diversità di genere.

(Visited 38 times, 1 visits today)

Lascia un commento