Rispettare gli standard impedisce il design creativo  dell’interfaccia grafica?

Rispettare gli standard impedisce il design creativo dell’interfaccia grafica?

Gli standard garantiscono un vocabolario coerente, ma non limitano la libertà (e la responsabilità) dei progettisti in questioni di progettazione più profonde.

La usabilità e le linee guida per la stesura degli standard di progettazione

Nessuno standard di progettazione può mai connotare un’interfaccia utente completa. Pertanto, per definizione, rimane molto lavoro di progettazione, anche se il progettista si impegna a rispettare gli standard appropriati.

Spesso, gli elementi di progettazione più importanti sono quelli che non possono essere specificati da uno standard, poiché lo standard non può conoscere le specifiche del singolo dominio indirizzato dal progetto.

Ad esempio, sono stato recentemente coinvolto nella progettazione di un sito di e-commerce. La bozza di pagina iniziale aveva tre modi per arrivare ai prodotti: ricerca e due schemi di navigazione, entrambi presentati come semplici elenchi di scelte.

Uno schema di navigazione era strutturato in base al modo in cui la maggior parte degli utenti ha esperienza d’uso di quel sito; l’altro schema era strutturato in base al modo in cui molti dipendenti del produttore pensavano alle loro linee di prodotto.

Risultati dei test di usabilità:

  • tasso di successo dell’80% quando le persone hanno utilizzato lo schema di navigazione strutturato secondo il tasso di successo del modello mentale della maggior parte degli utenti
  • del 9% quando le persone hanno utilizzato lo schema di navigazione strutturato secondo il pensiero interno dell’azienda

Conclusione: il secondo schema di navigazione è stato abbandonato dal design, anche se questo ha fatto soffrire alcuni dei membri del progetto. Il secondo schema ha avuto i suoi vantaggi per quelle persone che lo hanno usato correttamente, ma ha portato la maggior parte degli utenti nei guai, quindi ha fatto più male che bene.

Cito questo risultato per due motivi: primo, anche se entrambi i progetti di navigazione sembravano identici e seguivano lo stesso standard di interfaccia in termini di aspetto, layout e tecniche di interazione, la loro usabilità era drasticamente diversa.

Il primo progetto era quasi nove volte migliore del secondo. Questa differenza si somma a grandi differenze economiche per un sito di e-commerce che non venderà nulla a meno che gli utenti non possano trovare i prodotti.

La differenza nell’usabilità non è dovuta a differenze nel design delle superfici, ma a differenze nel design profondo: scoprire come abbinare al meglio un Web design alle esigenze degli utenti e come strutturare al meglio l’architettura dell’informazione.

Pertanto, anche quando ci si atteneva a uno standard di progettazione, c’era molto da fare per i progettisti del sito. Un cattivo progettista avrebbe usato il cattivo schema di navigazione sulla home page e non l’avrebbe mai testato.

In secondo luogo, il risultato mostra anche che una grande usabilità non è garantita anche se si segue uno standard dettagliato di progettazione della lettera. Uno standard garantisce che gli utenti possano comprendere i singoli elementi dell’interfaccia nel progetto e sapere dove cercare le funzionalità.

Non garantisce che gli utenti sappiano come combinare le funzionalità dell’interfaccia o che il sistema abbia le funzionalità richieste dagli utenti.

Un user interface designer, ha recentemente riportato un test di usabilità della terminologia del carrello.

Il progetto di bozza riportava il termine “Shopping Sled” poiché il sito (che vendeva articoli per sport invernali) desiderava distinguersi ed evitare la terminologia standard.

Risultato: “Il 50% degli utenti non ha compreso il concetto di Sled, mentre l’altro 50% ha dichiarato di aver capito cosa significasse perché si trovava nella stessa posizione in cui si trovava un carrello. Sapevano che era necessario aggiungere qualcosa e l’unica cosa che ha dato un senso a tutti era la Sled.

” Lezione: non cercare di essere intelligente e utilizzare nuovi termini quando abbiamo buone parole disponibili che gli utenti già conoscono.

Naturalmente, non vi è alcuna garanzia che un sito che utilizza il termine “carrello della spesa” abbia un’interfaccia commerciale facile da usare.

Tutto ciò che è assicurato è che gli utenti capiranno il termine quando lo vedranno usato come un collegamento intorno al sito. Ma questo è un beneficio per l’usabilità che vale la pena di prendere.

La legge di Jakob sul Web Esperienza utente:

gli utenti trascorrono la maggior parte del proprio tempo su altri siti. Pertanto, tutto ciò che è una convenzione e utilizzato nella maggior parte degli altri siti sarà scritto nel cervello degli utenti e si può deviare da esso solo a causa di importanti problemi di usabilità.

Dall’alba dei tempi (1984), abbiamo saputo che la coerenza è uno dei più forti contributori all’usabilità. Il Macintosh era basato su un libro dettagliato delle linee guida per l’interfaccia umana Apple, seguito da quasi tutte le applicazioni.

Uno dei principali vantaggi del Mac (e più tardi di Windows) rispetto ai sistemi precedenti era la coerenza risultante che consentiva agli utenti di utilizzare il software fin da subito.

  • Ad esempio, le persone sapevano che si potevano spostare oggetti da una sequenza di
  • (1) oggetto-selezione,
  • (2) comando Taglia,
  • (3) scorrimento-per-nuova posizione,
  • (4) clic-su-punto-inserimento ,
  • (5) Incolla-comando.

Sempre la stessa sequenza. E i comandi Taglia e incolla erano sempre nel menu Modifica ed erano sempre abbreviati in Command-X e Command-V. Non esiste nessun vero motivo per cui le persone dovrebbero associare la lettera V all’inserimento o all’incollatura, ma poiché è sempre stata la stessa, ha funzionato.

Ovviamente non tutti i software GUI sono uguali anche se la maggior parte dei software ha una forte conformità con gli standard di progettazione della piattaforma al giorno d’oggi.

 

(Visited 42 times, 1 visits today)

Lascia un commento