Jürgen Schmidhuber il genio dell’Intelligenza Artificiale

Jürgen Schmidhuber il genio dell’Intelligenza Artificiale

A volte bordeggiando per la rete trovi info che non ti saresti aspetta: software, tecnologie o persone che guidano l’evoluzione di internet ma a te sconosciute. In questo caso sconosciute a me. Non conoscevo il prof. Jürgen Schmidhuber, un vero e proprio genio vestito di bianco e con coppola in testa, che sta formando l’Intelligenza Artificiale prosssima a venire, parlando di robot e intelligenza artificiale, come degli eredi dell’umanità. Mi affretto a mettere riparo a questa lacuna parlandone sulle pagine di  laparoladigitale.

Ricavo il materiale che traduco e adatto dalla home del prof.

Dall’età di 15 anni circa, l’obiettivo principale del professor Jürgen Schmidhuber è stato quello di costruire un’Intelligenza Artificiale auto-migliorante (IA) più intelligente di lui, per poi ritirarsi.

I progetti di Deep Learning Neural Networks (dal 1991) del suo laboratorio come Long Short Term Memory (LSTM) hanno trasformato l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale e sono ora disponibili (2017) a miliardi di utenti attraverso le aziende pubbliche più preziose del mondo, ad es. miglioramento del riconoscimento vocale (basato su CTC) su oltre 2 miliardi di telefoni Android (da metà 2015), miglioramento della traduzione automatica tramite Google Translate (da novembre 2016) e Facebook (oltre 4 miliardi di traduzioni basate su LSTM al giorno a partire dal 2017), Siri e Quicktype su quasi 1 miliardo di iPhone (dal 2016), le risposte di Alexa di Amazon e numerose altre applicazioni.

Nel 2011, il suo team è stato il primo a vincere concorsi ufficiali di visione artificiale attraverso reti neurali profonde, con prestazioni sovrumane.

Il suo gruppo di ricerca ha anche stabilito il campo dell’IA universale matematicamente rigorosa e dell’auto-miglioramento ricorsivo nei solutori di problemi universali che imparano a imparare (dal 1987).

La sua teoria formale della creatività, della curiosità e del divertimento spiega l’arte, la scienza, la musica e l’umorismo.

Ha anche generalizzato la teoria dell’informazione algoritmica e la teoria della fisica a molti mondi, e ha introdotto il concetto di arte a bassa complessità, l’estrema forma di arte minimale dell’età dell’informazione.

È destinatario di numerosi premi e Chief Scientist della compagnia NNAISENSE, che mira a costruire la prima AI pratica.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Lascia un commento