L’umanità vivrà in una futuro infernale  a causa dei robot.

L’umanità vivrà in una futuro infernale a causa dei robot.

L’umanità vivrà in una “distopia infernale” mentre i robot assumono milioni di posti di lavoro lasciando le persone a condurre vite insignificanti e miserabili, sostiene lo scienziato

I lavori fisici in ambienti prevedibili – inclusi operatori di macchine e lavoratori di fast food – sono i più vicini a essere sostituiti da robot, anche la raccolta e l’elaborazione dei dati sono altre due categorie di attività che possono essere eseguite sempre più in modo migliore e più rapido con le macchine.

“Ciò potrebbe spostare una grande quantità di lavoro – ad esempio, nell’origine dei mutui, nel lavoro paralegale, nella contabilità e nell’elaborazione delle transazioni di back-office”.

Al contrario, i lavori in ambienti imprevedibili sono meno rischi: lavori come giardiniere, idraulico o accompagnatore di bambini ed anziani vedranno anche meno automazione entro il 2030, perché sono tecnicamente difficili da automatizzare e spesso richiedono salari relativamente bassi, il che rende l’automazione una proposta commerciale meno allettante .

Il dottor Kak, professore di ingegneria elettrica e informatica presso l’Oklahoma University, ha dichiarato al Daily Star Online: “Gli inizi della minaccia sono già lì. “Ci sarà una massiccia disoccupazione. 800 milioni di lavoratori potrebbero essere sostituiti da macchine entro il 2030.

Il dott. Kak ha dichiarato: “I responsabili politici hanno iniziato a parlare di un reddito minimo garantito con tutti forniti cibo, riparo e uno smartphone, e questo non risolverà il cuore del problema “Secondo me, l’attuale epidemia di oppioidi e droghe negli Stati Uniti è una manifestazione di questa disperazione.

“Allo stesso modo, fenomeni come l’ISIS sono una risposta alla mancanza di significato che le persone trovano in un mondo dedicato solo al culto del corpo”, ha affermato il dott. Kak.

A novembre, la società di consulenza manageriale, McKinsey, ha pubblicato l’articolo “Posti di lavoro persi, posti di lavoro acquisiti: transizioni della forza lavoro in un periodo di automazione”. Il rapporto si concentrava sulla quantità di posti di lavoro che andrebbero persi per l’automazione e su quali professioni erano maggiormente a rischio.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Lascia un commento