Infografica: Come è difficile trovare il giusto equilibrio tra dati e immagini

infografica , , , , , 0 Comments

Questo post è stato rivisto e re impaginato il 16 Novembre 2016, non recente ma ancora molto seguito.

Leggi anche: Infografica: come usare il colore nel design 
Un nuovo articolo ricco di spunti per la produzione di infografiche, preso e adattato dal sito di Vennage

Se  avessi usato il termine ‘Infografica’ o ‘Dataviz’ un paio di anni fa in una conversazione, quella parola sarebbe stata accolto da un buon numero di occhiate confuse anche parlando con web designer.

Guarda anche gli altri post che parlano di infografica
Le 10 Migliori Infografiche Del 2015
10 Strumenti Free Per Creare Fantastiche Infografiche
Come Creare Infografiche Che Funzionano
Come Creare Un’infografica: 10 Tools Online Indispensabili
Infografica: Come È Difficile Trovare Il Giusto Equilibrio Tra Dati E Immagini

Oggi così tante infografiche sono state utilizzate per la comunicazione virale che è praticamente impossibile ignorarle. Le troverete twittate dai vostri amici che vogliono condividere una nuova scoperta interessante, promosse da società desiderose di mostrare il loro trend di crescita e utilizzate anche dalla Casa Bianca per le relazioni sui progressi compiuti.

Non importa quello che stai cercando on line, se le statistiche di occupazione o di animali in via di estinzione, sei sicuro di trovare un’infografica fatta apposta. Se, per caso, non sei in grado di ricordare quelle che hai visto, dai un’occhiata a questa lista delle 10 migliori infografiche del 2011 pubblicate da Nowsourcing, per recuperare

L’infografica vivacizza i dati “noiosi”. Le infografiche sono utili perché si cambiano lunghe e noiose liste di dati in qualcosa che è molto più interessante: un visual.

Come esponenti della società del nuovo decennio, vogliamo leggere meno e vedere di più. Anche se questo non fa presagire nulla di troppo buono per gli editori di libri, si è aperto un intero nuovo spazio creativo per i progettisti.

Un numero crescente di imprese e di clienti stanno riconoscendo i vantaggi delle infografiche e vogliono che i loro dati siano “ravvivati e vestiti da ballo”. Sanno che le loro informazioni, raccolte assiduamente, hanno molte più possibilità di essere lette, apprezzate, condivise e diffuso se sembrano meno una relazione annuale e più come il prossima grande meme.

Avrete bisogno di tutte le vostre competenze. E altro ancora.

Mentre le grafiche utilizzate nelle infografiche sono diventate più accattivante e sofisticate, non sono
troppo differenti in proposito dalle tabelle e grafici che abbiamo usato al liceo. Dopo tutto, l’obiettivo è ancora di presentare i dati in modo più visivamente accattivante e accessibile.
Tuttavia, i progettisti di stampa e web stanno avendo un momento difficile trasferendo le loro competenze
nell’infografica perché, come i molti aspiranti progettisti di infografiche vi diranno, la progettazione di una buona infografica non è così semplice come sembra. Certo, è ancora necessario avere le stesse competenze essenziali estetiche e tecniche, ma si dovrebbe anche essere in grado di tradurre in modo efficace i dati in immagini. Soprattutto: è necessario assicurarsi che l’ infografica funzioni come strumento di informazione e non come una distrazione visiva.

Le 7 regole di un grande design per infografica

Se un cliente vi ha appena richiesto di creare la vostra prima infografica o avete lottato a lungo’ per realizzare qualcosa di buono, qui ci sono 7 cose che dovete sapere sulla progettazione di grandi infografiche:

1. Pianificazione e schizzo
Prendete un po ‘di tempo, anche mezz’ora è sufficiente per pianificare la vostra infografica prima di iniziare a mettere giù i dati. Pensate al modo migliore per visualizzare le informazioni di fronte a voi e come dovreste fare per ottenere questo risultato.

2. Sapere quando “tirare fuori tutto” e quando mantenere le cose semplici
Quando l’infografica ha fatto il boom su Internet, i progettisti si sono fatti un po’ prendere la mano.
Tutti hanno iniziato a competere tra di loro per realizzare il più vivace e contorto pezzo ‘creativo’ di visualizzazione dei dati possibile. Perché andare a fare un istogramma, se è possibile mostrare le stesse statistiche stesse attraverso l’esempio grafico di un barometro, per esempio, giusto?

SBAGLIATO.

Le infografiche prodotte come risultato di questa mal diretta intenzione si sono rivelate efficaci per il link baiting e finalità virali, ma non hanno rispettato il loro vero scopo. Erano sbilanciate più sulla apparenza che sula funzione e i dati sono stati perso da qualche parte tra la tipografia “sporca”, opere d’arte over-the-top e le rappresentazioni esoteriche. I dati erano diventati secondari, anche se infografica, per definizione, è per metà informazione e per metà grafica.

Non si dovrebbe lavorare su un ‘grande’ visual solo per il gusto di farlo, se nasconde i dati in qualche modo. Se il cliente insiste nel volere inutili e prodigiose opere d’arte, si dovrebbe almeno far loro sapere perché pensi che stia facendo ai dati un cattivo servizio al posto di un favore.
Detto questo, è importante notare che l’estremo ‘minimalismo’ non ha un posto in infografica. È necessario
che i dati vengano alla superficie, ma non si dovrebbe mai aver paura di mettere su un poco di spettacolo. L’infografica è un grande sbocco creativo anche se impegnativo, che consente di mettere le vostre abilità creative a confronto con le vostre capacità analitiche. E tutti noi piace vedere infografiche dal design accattivante che agiscono come una grande vetrina per i dati. Quindi sì, c’è sicuramente spazio per andare tutti fuori dalle righe, a volte!

Questa infografica realizzata da Cornwall by Design, visualizza tutto ciò che l’azienda fa e rende tutto insieme in un solo fantastico punto.

Ecco un esempio di un grafico a torta semplice ma creativo che elimina la necessità di ulteriori opere d’arte elaborate.

3. Racconta una storia attraverso l’organizzazione
Una buona infografica è come una bella storia. Genera un ricordo importante . Vuoi catturare l’attenzione, metterla a fuoco sul significato e fare in modo che il lettore ottenga qualcosa dal tuo lavoro. Per stabilire questo tipo di rapporto è necessario capire che cosa rende i dati interessanti e importanti, e come è stato ottenuto.
 Trova le idee più importanti che devono essere espresse e come si può renderle più accattivante. Per
esempio, se si vuole creare una infografica sui più grandi argomenti trend su Twitter, si potrebbe iniziare facendoti domande del tipo:
  • Che cosa ha causato questa tendenza?
  • Cosa c’è di diverso, interessante oimpressionante sulla persona / evento dietro questa tendenza?
  • Come ci si è confrontati con tendenzesimili in passato?

L’organizzazione- sequenza tipo, titolo-corpo-conclusione a volte soffoca l’infografica.L’infografica dovrebbe progredire logicamente e visivamente condurre il lettore attraverso le informazioni alla fine / conclusione.
Di solito l’infografica, ha una sezione che contiene la parte più importante dei dati e si avrà bisogno di costruire l’intero elemento grafico intorno ad esso.
Attraverso il vostro layout, la grafica e l’organizzazione dei contenuti, assicuratevi che questa parte sia il componente progettato meglio e più visibile.

Questa infografica da Coleen Corcoran e Joe Prichard utilizza una struttura accattivante e progressiva per
raccontare la storia dell’automobilismo negli Stati Uniti nel corso degli ultimi 100 anni.
4. Costruisci il tuo elenco personale di associazioni visive semplice ed affidabile
Un buon consiglio per diventare un più efficiente designer di infografiche (spendendo meno tempo di brainstorming sulla prossima grande idea ) è quello di sviluppare una strategia visiva per i tipi più comuni di dati. Per esempio, se avete bisogno di mostrare il numero di persone che fanno qualcosa al contrario di quelli che non lo fanno, oppure la variazione nelle statistiche di talune zone geografiche, sappiate che, in questi casi, le visualizzazioni più affidabili includono sagome di persone e mappe, rispettivamente.
Questo non vuol dire che si dovrebbe smettere di essere creativi. Se si trova che è possibile visualizzare i dati di persone o di territori in un modo più convincente, efficace e creativo, fatelo. Tuttavia, non c’è niente di male ad avere un piano di riserva!
Negli screenshot di seguito, è possibile vedere sagome che rappresentano il numero di americani che possiedono iPod e le mappe che mostrano le statistiche occupazionali per diverse regioni in Gran Bretagna. Chiaramente si potrebbe usare altrettanto bene sagome per le persone che possiedono auto e mappe per gli importi di PIL di tutti i paesi africani.
Date un’occhiata a queste cinque associazioni visive che possono essere incorporate nelle vostre infografiche.
5. Essere intelligente e divertente. Ma assicuratevi di avere successo.
La progettazione di un’infografica diventa una sfida ancora più grande se si devono usare paragoni e analogie.
Se non siete bravi con i giochi di parole o le associazioni di disegni interessanti, è meglio lasciarli a un copywriter o ad un esperto di marketing.
Se, tuttavia, vi viene chiesto di produrre in proprio analogie e umorismo per l’infografica, inizia visualizzando l’infografica come farebbe il tuo target si e pensare a come poterlo avvicinare di più ad al tuo lavoro.
Un confronto può rendere una statistica più accessibile e attraente? “Il numero di utenti di Facebook è pari a tutta la popolazione degli Stati Uniti” potrebbe attirare l’interesse.
Che ne dici se l’infografica utilizza un riferimento umoristico alla cultura popolare?
 Farsi domande come questa ti può aiutare nella progettazione dell’aspetto verbale della vostra
infografica. Ma come si può probabilmente dire, utilizzare associazioni e scherzi nell’infografica è un affare complicato. Non ci provate a meno che non siete sicuri che funzionano.
Ecco un po ‘di umorismo storico /politico in una infografica sui gatti.
6. Mantenere lo scopo e il tono
Noi tutti vogliamo infografiche visivamente accattivanti, ma ci sono alcune restrizioni estetiche che
si dovranno prendere in considerazione a seconda dello scopo e del
target di riferimento.
 Se si progetta un infografica sulla storia del marchio Disney, sono da aspettarsi vivaci illustrazioni in
stile cartone animato. Tuttavia, se si sta progettando un infografica evidenziando successi aziendali nel corso dell’ultimo anno fiscale per la distribuzione ai potenziali investitori, si dovrebbe resistere ai colori al neon e a umorismo inappropriato.
 Cartoon illustrazioni e colori vivaci sono appropriati per questo Disney Marvel VS infografica.
Infografica di BP riguardo a Relief Wells and Subsea containment invece utilizza una tavolozza cupa nero e blu.
Allo stesso modo, è necessario progettare le infografiche a seconda di come e dove verranno visualizzati.
Questo include cose come le dimensioni (in modo che si adatti sul sito web) e il colore di sfondo della infografica. Si dovrebbe evitare lo sfondo bianco come per la maggior parte dei siti web, per evitare infografiche che sembrano non avere punti di inizio e di fine quando sono visualizzate.
7. La impaginazione tipografica è un pigro sostituto della grafica
Mi piace una buona impaginazione in stile tipografico. Non c’è niente che tu possa dire che non si possa dire meglio con il font giusto. Tuttavia, un sacco di infografic design utilizzano ont in sostituzione di immagini creative. Ricordate, lo scopo di un infografica non è quello di
formattare i dati con i tuoi font preferiti e colori. Lo scopo è quello di trasformare i dati in grafica accattivante, creativa e accessibile che rende abbastanza interessati gli spettatori da avere a cuore l’informazione.
La tipografia è un ottimo modo per aumentare l’efficacia di qualsiasi progetto e renderla migliore. Ma
on dovrebbe essere il vostro unico contributo allo infografica.
Gli esempi nella colonna a destra in basso avrebbe potuto essere più interessante se fossero illustrati attraverso grafici e non modificando la dimensione pesi e stili del carattere,.
Tutti i dati sono il risultato di una vera e propria vita, che vive e respira. Il vostro compito è quello di evocare una parvenza di vita sulla pagina. Fino a quando lo fai, non importa quale delle sette regole di cui sopra sono state seguite e quelli che hai in franto. Come per tutto il buon design, il massimo della novità e delle non convenzionale può produrre grandi risultati. Non abbiate paura di sperimentare, ma assicuratevi di avere l’esperienza e la pratica per prendere le giuste decisioni!
Chi è l’Autore: Babar Suleman è un copywriter freelance e graphicdesigner, che si definisce un ‘pianificatore di comunicazione’. Potete saperne di più su di lui e vedere il suo portafoglio sul suo sito web

 

(Visited 193 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *