Gli Stati Uniti raccoglieranno dati dai social media prima di rilasciare i permessi di ingresso

Gli Stati Uniti raccoglieranno dati dai social media prima di rilasciare i permessi di ingresso

L’amministrazione Trump prevede di richiedere agli immigrati che si candidano per venire negli Stati Uniti di presentare cinque anni della loro eventuale presenza sui social media.

La mossa segue il crescente impegno dell’amministrazione sul “controllo accurato” rivolto agli aspiranti immigrati negli Stati Uniti, ed è un’estensione degli sforzi compiuti dalla precedente amministrazione per controllare più da vicino i social media dopo l’attacco terroristico di San Bernardino.

Come vettori dei social media saranno considerati i telefoni, possibili cause della somministrazione del divieto di viaggio.

L’amministrazione si aspetta che la mossa colpisca quasi 15 milioni di aspiranti immigrati negli Stati Uniti. Ciò includerebbe i candidati per la residenza permanente legale.

Ci sono esenzioni per visti diplomatici e ufficiali, ha detto il Dipartimento di Stato. La decisione non entrerà in vigore immediatamente – la pubblicazione del cambiamento previsto per le domande di visto di venerdì avvierà un conto alla rovescia di 60 giorni per consentire al pubblico di commentare la mossa.

I critici ostacolano queste iniziative, tra gli sforzi più ampi da parte dell’amministrazione: non solo sono invasivi per motivi di privacy, ma limitano troppo’immigrazione legale negli Stati Uniti rallentando il processo, rendendolo più oneroso e rendendo più difficile l’accettazione di un visto.

Gli Stati Uniti aumentano il controllo e riprende il trattamento dei rifugiati dai paesi “ad alto rischio” Le autorità federali sostengono che le mosse sono necessarie per la sicurezza nazionale. Oltre a richiedere i cinque anni di storia dei social media, l’applicazione richiederà anche numeri di telefono precedenti, indirizzi e-mail, precedenti violazioni dell’immigrazione e qualsiasi storia familiare di coinvolgimento in attività terroristiche, secondo l’avviso.

Sin dai suoi primi giorni, l’amministrazione ha espresso il desiderio di scavare più da vicino gli sfondi e le storie dei social media dei viaggiatori stranieri, ma la mossa di giovedì è la prima volta che richiederà praticamente a tutti i candidati di venire negli Stati Uniti di rivelare queste informazioni.

Dopo l’attacco terroristico di San Bernardino nel 2015, è stata posta maggiore attenzione sull’uso dei social media da parte degli immigrati, quando è stato rivelato che uno degli aggressori aveva sostenuto la jihad nei post su un social media privato conto sotto uno pseudonimo che le autorità non hanno saputo trovare prima di permetterle di venire negli Stati Uniti.

La mossa dell’amministrazione Trump non richiede password o accesso ad account di social media, sebbene l’allora segretario alla sicurezza nazionale John Kelly abbia suggerito l’anno scorso di tenere questa richieste in considerazione.

L’amministrazione ha perseguito il “controllo estremo” degli stranieri come elemento centrale della sua politica di immigrazione e di sicurezza nazionale, anche attraverso il contenzioso divieto di viaggio che rimane oggetto di pesanti contenziosi.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento