1 essere umano su 2 connesso a internet nel 2017, e gli altri?

1 essere umano su 2 connesso a internet nel 2017, e gli altri?

Nel 2017, il mondo ha segnato una pietra miliare: il 50% della penetrazione globale su Internet.

Anche se l’accesso a internet è diventato un’aspettativa quotidiana per molti, questa la prima volta che i dat rilevano come la maggior parte degli esseri umani sia connessa.

Ma per la metà del mondo che rimane offline – per lo più donne nei paesi in via di sviluppo – ciò significa rimanere ancora più indietro, mentre la rivoluzione digitale si fa avanti.

L’anno scorso, la comunità mondiale ha riconosciuto l’importanza dell’uguaglianza digitale per la crescita e le opportunità socio-economiche e ha fissato un obiettivo come parte dei nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile: accesso universale a prezzi accessibili entro il 2020.

La cattiva notizia è che senza un’azione politica urgente,  falliremo questo obiettivo che manca da oltre 20 anni.

Gli elevati costi di connettività rimangono uno dei maggiori ostacoli al raggiungimento dell’impegno di accesso universale. Anche se i prezzi della banda larga stanno scendendo, semplicemente non stanno cadendo abbastanza velocemente, lasciando i percettori di reddito basso e le altre popolazioni emarginate incapaci di permettersi anche una connessione di base.

Inoltre, la ricerca mostra che il ritmo dei cambiamenti politici è stato troppo lento: solo la metà dei paesi studiati ha adottato politiche di accesso pubblico sostenute anche dal sostegno finanziario per l’attuazione. Il 45% dei paesi ha in programma di facilitare la condivisione delle risorse tra le società di telecomunicazioni (ad es. Condivisione di infrastrutture, tra cui torri e reti in fibra); ma anche dove i paesi hanno piani, l’implementazione è rara.

Solo un paese su tre ha piani dettagliati e tempestivi per rendere disponibile più risorse per soddisfare le crescenti richieste.

I fondi universali per servizi e accesso, uno strumento importante per finanziare investimenti strategici nel settore, non esistono o sono dormienti in oltre un terzo dei paesi. I piani nazionali per la banda larga per guidare le riforme politiche necessarie per raggiungere l’accesso universale non sono mai stati sviluppati o sono mal datati nel 41% dei paesi.

La buona notizia è che sappiamo cosa dobbiamo fare per cambiare le cose e rendere accessibile internet a tutti.

Politiche intelligenti che incoraggiano una maggiore concorrenza e innovazione in aree chiave, come banda di trasmissione, infrastrutture e connettività dell’ultimo miglio, possono contribuire a spianare la strada verso l’accessibilità.

Queste politiche dovrebbero essere radicate in un nuovo obiettivo di accessibilità più ambizioso di “1 su 2” – 1 GB di dati che ad un costo che non superi  il 2% del reddito – consentirebbe a più gruppi di reddito  di connettersi.

Solo 19 dei 58 paesi valutati per la relazione di quest’anno hanno raggiunto questo obiettivo “1 su 2”.

Per questo motivo, è fondamentale che i paesi implementino anche soluzioni di accesso pubblico per garantire che anche quelli alla base della piramide non rimangano relegati sul retro della coda di connettività.

Più specificamente, raccomandiamo ai paesi di impiegare soluzioni di accesso pubblico per chiudere il Digital Divide

Le soluzioni di accesso pubblico – incluso l’accesso agevolato nelle scuole e nei centri locali, WiFi pubblico e reti di comunità – sono fondamentali per raggiungere gruppi che non possono pagare per l’uso regolare di Internet, anche quando i prezzi si sono ridotti a un livello accessibile.

Promuovere la concorrenza sul mercato attraverso una politica intelligente

Forti politiche per promuovere una sana concorrenza e proteggere i consumatori devono essere una priorità per i responsabili delle politiche. Mercati aperti e competitivi forniscono le basi per la crescita, l’innovazione e l’accesso economico.

Tuttavia, i quadri politici antiquati restano in vigore in molti paesi, impedendo alla concorrenza di essere una forza di cambiamento del mercato e consentendo ai fornitori inefficienti di dominare e mantenere alti i prezzi.

La politica intelligente che consente la concorrenza necessaria per far scendere i prezzi deve essere implementata con urgenza.

Implementare usi innovativi dello spettro attraverso una politica trasparente I governi devono garantire di avere un piano dettagliato per l’allocazione dello spettro sufficiente a soddisfare gli aumenti previsti della domanda, con un chiaro calendario per l’attuazione. I responsabili delle politiche dovrebbero inoltre incoraggiare gli usi innovativi dello spettro radio per promuovere un accesso a prezzi accessibili, sia sostenendo reti di comunità che collaborando allo sviluppo di nuove tecnologie.

Adottare misure urgenti per promuovere la condivisione di infrastrutture e risorse condivise non è facile, ma con chiari incentivi politici e certezza normativa, offre agli operatori la migliore opzione per ridurre il costo della fornitura di servizi, mantenendo allo stesso tempo un flusso salutare di crescita del mercato.

I governi hanno un ruolo fondamentale nel facilitare e incentivare la condivisione delle risorse tra gli attori del mercato.

Sfruttare efficacemente i servizi universali ei fondi di accesso I fondi universali di servizio e accesso (USAF) che raccolgono i contributi degli operatori per sovvenzionare l’espansione delle telecomunicazioni e di internet nelle comunità meno servite possono essere uno strumento potente se ben gestiti e trasparenti .

I governi devono prendere in considerazione e attuare soluzioni a questi problemi, tra cui lo sviluppo di strategie per un uso efficace dei fondi, la pubblicazione tempestiva del monitoraggio e dei rapporti finanziari dell’USAF e altre informazioni in formati di dati aperti.

Garantire un’efficace pianificazione della banda larga si traduca in un’efficace attuazione I piani a banda larga sono fondamentali per integrare e sequenziare le riforme di cui sopra. I piani che fissano obiettivi chiari, temporali e misurabili sono i migliori di tutti, poiché gli obiettivi forniscono responsabilità per la traduzione dei piani in azione.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Lascia un commento