Il web può diventare pericoloso – dai una mano anche tu!

Il web può diventare pericoloso – dai una mano anche tu!

Le minacce che vengono dal web oggi sono reali e molte, dalla disinformazione e pubblicità politica discutibile a una perdita di controllo sui nostri dati personali

Tim Bernerss Lee – Internet founder

Tratto, tradotto ed adattato da WorldWebFoundation

Il world wide web compie 29 anni.

Quest’anno segna una pietra miliare nella storia del web: per la prima volta, attraverseremo il punto di non ritorno quando più della metà della popolazione mondiale sarà online. Quando condivido questa entusiasmante notizia con le persone, tendo ad ottenere una delle due reazioni preoccupate:

come possiamo collegare l’altra metà del mondo?
Siamo sicuri che il resto del mondo voglia connettersi al web che abbiamo oggi?

Le minacce al web oggi sono reali e molte, comprese quelle che ho descritto nella mia ultima lettera, dalla disinformazione e pubblicità politica discutibile a una perdita di controllo sui nostri dati personali. Ma continuo a impegnarmi per garantire che il web sia uno spazio libero, aperto e creativo, per tutti.

Questa visione è possibile solo se portiamo tutti online e assicuriamo che il web funzioni per le persone.

Ho fondato la Web Foundation per lottare per il futuro del web. Ecco dove dobbiamo concentrare i nostri sforzi:

Chiudere il divario digitale

La divisione tra le persone che hanno accesso a Internet e coloro che non lo fanno sta approfondendo le disuguaglianze esistenti – disuguaglianze che rappresentano una seria minaccia globale.

Non sorprendentemente, è più probabile che tu sia offline se sei femmina, povera, vivi in ​​una zona rurale o in un paese a basso reddito, o una combinazione di quanto sopra.

Essere offline oggi significa essere escluso dalle opportunità di imparare e guadagnare, accedere a servizi preziosi e partecipare al dibattito democratico. Se non investiremo seriamente per colmare questa lacuna, l’ultimo miliardo di esseri umani non sarà collegato fino al 2042.

È un’intera generazione rimasta indietro.

Nel 2016, le Nazioni Unite hanno dichiarato l’accesso a Internet un diritto umano, alla pari di acqua pulita, elettricità, riparo e cibo. Ma fino a quando renderemo l’accesso a Internet accessibile a tutti, a miliardi continueranno a essere negati questo diritto fondamentale.

L’obiettivo è stato fissato: le Nazioni Unite hanno recentemente adottato la soglia dell’Alliance for Affordable Internet per l’accessibilità: 1 GB di dati mobili per meno del 2% del reddito medio mensile.

La realtà, tuttavia, è che siamo ancora molto lontani dal raggiungere questo obiettivo: in alcuni paesi, il costo di 1 GB di banda larga mobile rimane oltre il 20% del reddito medio mensile. Cosa ci vorrà per raggiungere effettivamente questo obiettivo?

Dobbiamo supportare politiche e modelli di business che ampliano l’accesso ai più poveri del mondo attraverso soluzioni di accesso pubblico, come reti di comunità e iniziative WiFi pubbliche.

Dobbiamo investire nell’assicurare un accesso affidabile per donne e ragazze e rafforzarle attraverso la formazione sulle competenze digitali. Fai in modo che il Web funzioni per le persone Il web che molti utenti connessi anni fa non è quello che i nuovi utenti troveranno oggi.

Quello che una volta era una ricca selezione di blog e siti web è stato compresso sotto il potente peso di poche piattaforme dominanti.

Questa concentrazione di potere crea una nuova serie di guardiani, consentendo a una manciata di piattaforme di controllare quali idee e opinioni sono viste e condivise. Queste piattaforme dominanti sono in grado di bloccare la loro posizione creando barriere per i concorrenti. Acquisiscono sfidanti all’avvio, acquistano nuove innovazioni e assumono i migliori talenti del settore.

Aggiungete a questo il vantaggio competitivo che i loro dati degli utenti danno loro e possiamo aspettarci che i prossimi 20 anni siano molto meno innovativi degli ultimi. Inoltre, il fatto che il potere sia concentrato tra così poche aziende ha permesso di armare il web su vasta scala.

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a teorie del complotto sulle piattaforme dei social media, i falsi account Twitter e Facebook alimentano le tensioni sociali, gli attori esterni interferiscono nelle elezioni e i criminali rubano i dati personali. Abbiamo cercato le risposte stesse per le piattaforme stesse.

Le aziende sono consapevoli dei problemi e stanno compiendo sforzi per risolverli – con cambiamenti che hanno colpito milioni di persone. La responsabilità – e a volte l’onere – di prendere queste decisioni ricade sulle aziende che sono state costruite per massimizzare i profitti più che massimizzare il bene sociale. Un quadro giuridico o normativo che tiene conto degli obiettivi sociali può contribuire a ridurre queste tensioni.

Porta più voci al dibattito sul futuro del web Il futuro del web non riguarda solo quelli di noi che sono online oggi, ma anche quelli che non sono ancora connessi. La potente economia digitale odierna richiede standard elevati che bilanciano gli interessi di entrambe le società e dei cittadini online. Ciò significa pensare a come allineare gli incentivi del settore tecnologico con quelli degli utenti e della società in generale e consultare una sezione trasversale della società nel processo.

Due miti al momento limitano la nostra immaginazione collettiva:

il mito che la pubblicità è l’unico modello di business possibile per le aziende online e il mito che sia troppo tardi per cambiare il modo in cui operano le piattaforme.

Su entrambi i punti, dobbiamo essere un po ‘più creativi. Mentre i problemi del web sono complessi e grandi, penso che dovremmo vederli come bug: problemi con i sistemi di codice e software esistenti che sono stati creati dalle persone e che possono essere risolti dalle persone.

Creare una nuova serie di incentivi e le modifiche nel codice seguiranno. Possiamo progettare un web che crea un ambiente costruttivo e di supporto. Oggi voglio sfidare tutti noi ad avere maggiori ambizioni per il web. Voglio che il web rifletta le nostre speranze e realizzi i nostri sogni, piuttosto che amplificare le nostre paure e approfondire le nostre divisioni.

Come disse un tempo l’attivista di Internet, John Perry Barlow, “un buon modo per inventare il futuro è prevederlo”. Può sembrare utopico, può sembrare impossibile da ottenere dopo le battute d’arresto degli ultimi due anni, ma voglio che ci immaginiamo il futuro e lo costruiamo.

Assembliamo le menti più brillanti di affari, tecnologia, governo, società civile, arte e università per affrontare le minacce al futuro del web. Alla Web Foundation, siamo pronti a fare la nostra parte in questa missione e costruire il web che tutti noi vogliamo.

Lavoriamo insieme per renderlo possibile.

Sir Tim Berners-Lee

Si prega di condividere questa lettera su Twitter utilizzando l’hashtag #HappyBirthdayWWW

La Web Foundation è in prima linea nella lotta per far progredire e proteggere il web per tutti.

Per aggiornamenti sul nostro lavoro, iscriviti alla nostra newsletter e seguici su Twitter @webfoundation.

Iscriviti per ricevere The Web This Week, la nostra carrellata di notizie sulla tecnologia e sui diritti digitali, pubblicata ogni venerdì.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Lascia un commento