Google, Facebook e Twitter vietano la pubblicità di bitcoin

Google, Facebook e Twitter vietano la pubblicità di bitcoin

Google e Facebook mettono al bando le pubblicità relative a Bitcoin, Poteva mancare Twitter? Certo che no. E infatti qualche giorno fa è uscita un’indiscrezione: tra due settimane anche l’uccellino blu proibirà gli annunci relativi a bitcoin e criptovalute, Ico incluse.

Google sta prendendo di mira la pubblicità legata alla criptovaluta.

La società non consentirà più annunci relativi ai contenuti relativi alla criptovaluta, comprese le offerte iniziali di monete (ICO), i portafogli e i consigli di trading su qualsiasi piattaforma pubblicitaria.

La mossa segue un analogo divieto di Facebook all’inizio di quest’anno.

La società sta aggiornando le sue politiche pubblicitarie relative ai servizi finanziari per vietare qualsiasi pubblicità sui contenuti relativi alla criptovaluta, comprese le offerte iniziali di monete (ICO), portafogli e consigli di trading, ha detto a CNBC Scott Spencer, direttore delle pubblicità sostenibili di Google.

Ciò significa che anche le società con offerte di criptovaluta legittime non saranno autorizzate a pubblicare annunci pubblicitari tramite i prodotti pubblicitari di Google, che pubblicano annunci sui propri siti e su siti Web di terzi.

Questo aggiornamento entrerà in vigore nel mese di giugno 2018, secondo un post aziendale. “Non abbiamo una sfera di cristallo per sapere dove andrà il futuro con le criptovalute, ma abbiamo visto un danno al consumatore o un potenziale danno per il consumatore che è un’area che vogliamo affrontare con estrema cautela”, ha detto Scott.

L’approccio hard line di Google segue un divieto simile che Facebook ha annunciato all’inizio di quest’anno. Mentre il boom della criptovaluta ha prodotto un sacco di eccitazione e ricchezza, è ancora uno spazio ampiamente non regolamentato e ha generato innumerevoli truffe di alto profilo.

Questa notizia arriva quando Google pubblica il suo rapporto annuale di “fiducia e sicurezza”.

Google ha dichiarato di aver rimosso più di 3,2 miliardi di annunci pubblicitari nel 2017 che hanno violato le sue politiche, che è quasi il doppio degli 1,7 miliardi rimossi l’anno prima. La società madre di Google Alphabet produce circa l’84 percento del suo fatturato totale dalla pubblicità, quindi gli inserzionisti convincenti che il suo ecosistema è sicuro ed efficace è di fondamentale importanza.

Da Rob Leathern, Product Management Director di FaceBook:

i nostri principi pubblicitari principali delineano la nostra convinzione che le pubblicità debbano essere sicure e che noi costruiamo prima le persone.

Gli annunci ingannevoli o ingannevoli non hanno posto su Facebook.

Abbiamo creato una nuova norma che vieta gli annunci che promuovono prodotti e servizi finanziari che sono frequentemente associati a pratiche promozionali ingannevoli o ingannevoli, come le opzioni binarie, le offerte iniziali di monete e criptovaluta. Vogliamo che le persone continuino a scoprire e conoscere nuovi prodotti e servizi attraverso le pubblicità di Facebook senza temere truffe o inganni.

Detto questo, ci sono molte aziende che pubblicizzano opzioni binarie, Ico e criptovalute che attualmente non operano in buona fede. Questa politica è intenzionalmente ampia mentre lavoriamo per individuare meglio pratiche pubblicitarie ingannevoli e fuorvianti e l’applicazione inizierà ad aumentare le nostre piattaforme, tra cui Facebook, Audience Network e Instagram.

Rivedremo questa politica e come la applichiamo man mano che i nostri segnali migliorano.

Comprendiamo inoltre che potremmo non rilevare tutti gli annunci che devono essere rimossi in base a questa nuova norma e incoraggiare la nostra community a segnalare contenuti che violano le nostre norme pubblicitarie. Le persone possono segnalare qualsiasi annuncio su Facebook facendo clic sull’angolo in alto a destra dell’annuncio.

Questa politica è parte di uno sforzo continuo per migliorare l’integrità e la sicurezza dei nostri annunci e per rendere più difficile per i truffatori trarre profitto da una presenza su Facebook.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento