Come impedire ai siti che visiti di “prendere in prestito” il tuo PC per fare soldi virtuali

Come impedire ai siti che visiti di “prendere in prestito” il tuo PC per fare soldi virtuali

Esistono estensioni per browser di semplice installazione che bloccano chi prende in prestito il tuo PC per fare soldi virtuali

Durante il fine settimana, il portale dei torrent The Pirate Bay è stato beccato ad rifilare agli utenti del sito web un software “miner” (in italiano sarebbe minatore) di criptovaluta

Questo software ha dirottato in maniera vertiginosa le risorse di calcolo dei visitatori per fabbricare a proprio vantaggio  la moneta virtuale Monero, ha riferito TorrentFreak.

The Pirate Bay ha confessato i suoi peccati nel suo blog ufficiale, sostenendo che l’implementazione del mining JavaScript era “solo un test” come parte dei loro sforzi per “sbarazzarsi di tutti gli annunci” raggruppati sul loro sito. “[W] e anche bisogno di soldi sufficienti per mantenere il sito in esecuzione”, ha detto gli amministratori.

Ma se pensi che questa scusa non ti convince – e se vuoi impedire ad altri siti web di fare lo stesso – ci sono delle misure che puoi adottare per evitare che i siti si aggirino sulle risorse della tua CPU.

Disponibili per Chrome, minerBlock e No Coin sono pratici estensioni per browser specificamente progettate per impedire ai comuni crittografi di utilizzare la tua potenza di calcolo.

Ciò che è particolarmente utile è che, simile a un ad-blocker, è possibile scegliere di rimuovere determinati siti dall’elenco dei domini bloccati nel caso in cui si desideri prestare deliberatamente la CPU per l’utilizzo.

Coloro che sono interessati a dettagli più tecnici possono cercare il codice sorgente per minerBlock e No Coin ; entrambi sono disponibili su GitHub.

Una cosa da tenere a mente, quando si prende la decisione di ottenere o meno una di queste estensioni, è che i miner crittografici – come Coinhive, la soluzione implementata da The Pirate Bay – sono difficili da individuare dagli utenti; fino a quando, naturalmente, si inizia a notare il forte aumento dell’utilizzo della CPU.

Accanto a queste soluzioni, puoi provare anche a utilizzare le estensioni di blocco JavaScript come NoScript (per Firefox) o ScriptSafe (per Chrome). Un’altra alternativa è quella di aggiungere manualmente i cryptominer in questione al tuo elenco di domini bloccati in ad-blocker. Non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nello sperimentare modelli alternativi per generare entrate.

Se malauguratamente The Pirate Bay (e qualsiasi altro sito che fa lo stesso), non riesce ad avvisare in anticipo i suoi utenti di questo “test” possiamo momentaneamente  on pensare alle terrbili scuse addotte e  considerare che tali siti potrebbero effettivamente avrere un fondo di ragione. Ma come la Motherboard ha riassunto così abilmente, alla fine tutto si riduce al consenso dell’utente: è una scelta tra il trading sulla tua privacy (annunci) o il potere di calcolo (miners) per il diritto di usare un servizio.

Tuttavia, dato che The Pirate Bay non è l’unico denunciato per aver preso in prestito surrettiziamente la CPU degli utenti per estrarre monete virtuali, l’aspetto più preoccupante qui è che probabilmente ci sono una serie di siti nascosti che utilizzano lo stesso schema. Ora almeno sai come difendere la batteria del tuo dispositivo da queste pratiche non dichiarate.

(Visited 73 times, 1 visits today)

Lascia un commento