100.000 posti di lavoro per esperti di User Experience

100.000 posti di lavoro per esperti di User Experience

Psicologia dell’interazione tra computere essere umano

Riepilogo UX:

la professione di designer  di User Experience è cresciuta notevolmente dal 1950 ed è ora veramente mondiale.

Anche così, la crescita attesa fino al 2050 farà sembrare minuscola qualsiasi cosa che abbiamo visto finora. Molti fattori della crescita di UX non sono immediatamente evidenti alla maggior parte degli attori attualmente sul campo.

Spesso ci concentriamo troppo sugli eventi attuali: cosa sta succedendo quest’anno nel nostro settore. O cosa sta succedendo questa settimana al nostro progetto. A breve termine, ci saranno sempre alti e bassi, ma consideriamo una prospettiva a lungo termine per una volta e consideriamo un centinaio di anni di esperienza utente, dai primi giorni del 1950 al probabile stato futuro del settore nel 2050.

Nel 1993 Don Norman ha coniato il termine “user experience” per il suo gruppo in Apple Computer. Ma il settore è più vecchio del termine. È difficile tracciare un confine tra i fattori umani tradizionali e ciò che potremmo chiamare “esperienza utente”, finalizzata alla progettazione di sistemi interattivi centrata sull’uomo.

Bell Labs fu uno dei pionieri nel fare questa transizione, a cominciare dal primo psicologo assunto per progettare sistemi telefonici nel 1945: John E. Karlin. A partire dagli anni ’50, i Bell Labs hanno sicuramente anticipato l’User Experience, in particolare sul design della tastiera a toni.

Il fatto che utilizziamo il suo design fino ad oggi è la prova di quanto sia importante ottenere subito l’UX.

Ritengo che la qualità complessiva dell’esperienza utente, sia sul Web che sui computer in generale, sia meno del 10% di ciò che dovrebbe essere. Troppo complicato per le persone normali. Dobbiamo andare molto di più a fondo. Per render possibile  dare una risposta concreta alla domanda sul “progresso del campo User Experience”, ho scelto una singola variabile: il numero di professionisti dell’esperienza utente nel mondo. Ovviamente, posso solo darti la mia migliore stima, dal momento che non c’è accordo su ciò che costituisce uno “specialista UX”. (Nella nostra ricerca sulle carriere UX, abbiamo scoperto che 1.045 persone UX detenevano 210 diversi titoli di lavoro.)

Risulta che i tassi di crescita sono variati leggermente durante ogni terzo dei 100 anni: dal 1950 al 1983: la professione  nel settore User Experience è cresciuta da circa 10 unità (principalmente i primi ragazzi dei Bell Labs) a circa 1.000 persone. Un fattore di crescita di 100.

Dal 1983 al 2017: la professione UX è passata da circa 1.000 persone a circa 1 milione di persone. Un fattore di crescita di 1.000. (LinkedIn aveva 1,5 milioni di membri a fine 2017 che rivendicavano esperienza in user experience, usabilità o architettura delle informazioni. Affermare una competenza e averlo effettivamente sono due cose separate, ma poi molte persone non sono su LinkedIn, soprattutto a livello internazionale, quindi la stima di 1M UXers non è lontano.)

Dal 2017 al 2050: la professione nella User Experience dovrebbe crescere dagli attuali circa 1 milione di persone a circa 100 milioni di persone. Un fattore di crescita di 100.

Ci sono alcuni motivi per cui UX è cresciuta molto velocemente durante questo periodo: la rivoluzione PC degli anni ’80 ha messo sotto pressione l’industria informatica per migliorare l’usabilità dei suoi prodotti. Prima dell’informatica personale, c’era sicuramente bisogno di usabilità, motivo per cui il personale UX è cresciuto di un fattore 100 durante l’era del mainframe.

Ma i mainframe erano computer aziendali, nel senso che coloro che usavano il computer non erano quelli che prendevano la decisione di acquisto. Quindi, durante quell’era remota, l’industria informatica aveva avuto pochi incentivi a produrre interfacce utente di alta qualità.

Con i personal computer, l’utente e l’acquirente erano gli stessi, quindi l’esperienza utente influiva direttamente sulle decisioni di acquisto. Inoltre, un’estesa stampa specializzata ha pubblicato recensioni di tutti i nuovi prodotti software, discutendo spesso della loro facilità d’uso.

La rivoluzione del web degli anni ’90 e 2000 ha dato ulteriore pressione alle aziende per migliorare la qualità della loro progettazione dell’interazione. Con il tradizionale software per PC, la sequenza di pagamento ed esperienza utente erano le seguenti: Hai comprato una scatola di software con involucro termoretraibile. Hai aperto la scatola, hai installato il software e solo allora hai scoperto che è difficile da usare.

Con i siti Web, l’ordine di questi due passaggi è stato annullato: si accede alla home page della società. Se ha senso, navighi nel sito. Se riesci a trovare la strada, alla fine arrivi alla pagina relativa ad un prodotto a cui potresti essere interessato. Se le informazioni sulle pagine dei prodotti ti sembrano pertinenti, puoi procedere al passaggio successivo.

Fai clic su Aggiungi al carrello, passa attraverso la procedura di checkout e infine dai al’azienda i soldi. Quindi, sul web, la sequenza è: prima esperienza dell’utente, secondo pagamento.

Dalla UX dipende il fatturato e questo ha aumentato enormemente la motivazione dei dirigenti ad investire nei loro team di progettisti User Experience.

La grande copertura mediatica dell’usabilità ha reso UX la “novità” (anche se aveva già 50 anni nel 2000, quindi non proprio così nuovo). Questo forte e positivo PR per UX ha fatto pensare a molte aziende “ne abbiamo bisogno.” Questi 3 fattori (rivoluzione PC, rivoluzione Web, copertura della stampa) hanno aumentato la grinta nel tasso di crescita per UX durante il terzo periodo di 100 anni che sto analizzando.

(Visited 44 times, 1 visits today)

Lascia un commento